Primo Piano

TFR anticipato. Solo a determinate condizioni tra le quali spicca la motivazione

TFR anticipato, sapevi che devi avere una motivazione per richiederlo?

“Investire Oggi” pubblicato il di

l lavoratore ha facoltà di richiedere l’anticipo del Tfr, ma solo a determinate condizioni tra le quali spicca la motivazione

In un momento storico in cui i prezzi dei prodotti di largo consumo continuano a lievitare, mentre i redditi restano sostanzialmente fermi, c’è chi potrebbe far ricorso a un aiuto che per molti lavoratori, nel tempo, è stato una manna dal cielo. Parliamo della richiesta di un anticipo del proprio TFR, elemento retributivo di fine rapporto, che è possibile ottenere anche prima che il rapporto di lavoro termini, ma solo in specifiche situazioni: vi sono condizioni da rispettare, una delle quali è l’esistenza di una motivazione di base che ne giustifichi la richiesta.

Ottimo sostegno per i momenti di grande difficoltà, il Trattamento di Fine Rapporto (TFR), infatti, aumenta ogni mese durante il periodo del contratto. Come può essere richiesto? Quali sono gli scogli da affrontare per ottenerlo?

I requisiti per ottenere il TFR anticipato

La richiesta di anticipo del TFR (che può essere effettuata solo una volta durante il rapporto lavorativo in corso) dovrà rispettare i requisiti imposti a norma di Legge, come specificato dall’articolo 2120 del Codice Civile, tra i quali spiccano principalmente:

  • un minimo di 8 anni di servizio presso l’azienda, anzianità che matura anche in caso di temporanea sospensione dell’attività lavorativa come a causa di un infortunio, della malattia o per via di una aspettativa;
  • il mantenimento della richiesta entro il limite del 70% del totale spettante;

con in aggiunta la presenza di motivazioni accettabili per giustificare la richiesta. In caso di patti individuali o di specifici contratti collettivi possono variare le condizioni per la richiesta.

Le motivazioni accettabili sono un requisito essenziale per ottenere il TFR anticipato

Le ragioni che ci spingono a farne richiesta, quindi, risultano essenziali e fondamentali per ottenere l’anticipo del TFR nonostante la Legge non specifichi in modo chiaro e netto la subordinazione della domanda a una motivazione specifica, ma è comunque importante tener presente che richiedere l’anticipo del TFR senza fornirla può cambiare in modo sostanziale l’intera pratica.

In questo caso non si tratterebbe più di erogazione anticipata, ma di ordinaria retribuzione soggetta a contributi INPS e a tassazione Irpef ordinaria, ovvero per scaglioni d’imposta in base al reddito. Il datore di lavoro avrà quindi l’onere del ricalcolo del TFR e, in caso di importi netti in eccesso, potrà rivalersi sul dipendente o addirittura porre un rifiuto legittimo per mancanza di motivo plausibile.

Tra le motivazioni considerate accettabili troviamo sempre più variabili perché la Legge, nel corso del tempo, ha allargato le maglie consentendo l’inclusione di più casi come:

  • l’utilizzo dei soldi per ragioni mediche, per farmaci, interventi o cure;
  • per l’acquisto di una prima casa per sé o per i propri figli (sono escluse le residenze secondarie);
  • per sostenere le spese di astensione facoltativa per maternità
  • per il riscatto di un’abitazione già occupata ad altro titolo;
  • per congedi per la formazione o per la formazione continua;
  • per l’acquisto di suolo al fine di costruzione o di mutuo ipotecario.

Non sono invece considerate valide le richieste di TFR anticipato per ristrutturazioni, per saldare debiti contratti o in caso di assenza della piena proprietà del bene.

 

La liquidazione del TFR per i dipendenti del settore privato arriva subito, quella degli statali anche dopo due anni.

Notizie correlate:

FONCHIM

IL LAVORATORE PUÒ AVERE UN’ANTICIPAZIONE DAL FONDO SULLA POSIZIONE MATURATA, IN MODO SIMILE A QUANTO PREVISTO PER IL TFR IN AZIENDA?
Di più.
Senza limiti temporali (per spese sanitarie) o dopo 8 anni di iscrizione (per acquisto prima casa o ristrutturazione), si accede al 75% dell’intera posizione, non solo del TFR versato.
Inoltre, dopo 8 anni di iscrizione si può richiedere il 30% della posizione senza alcuna motivazione specifica.

C’E’ UN LIMITE ALLE RICHIESTE?

L’anticipazione può essere richiesta più volte, purché non si superi il limite % previsto. Quindi, senza motivazioni specifiche non si può superare il 30% della posizione complessivamente maturata, negli altri casi il 75%.

L’ANTICIPAZIONE RICHIESTA IN AZIENDA PRECLUDE QUELLA INOLTRATA A FONCHIM?
No, poiché seguono due percorsi completamente separati.

___________________________

Enasarco. Anticipo FIRR

Il sistema informatico consente agli iscritti Enasarco di chiedere l’anticipazione del Firr per scaglioni, il primo dei quali non superiore al 10%, fino a un massimo del 30% del totale accantonato.

Ricordiamo che sarà possibile chiedere l’erogazione per i conti Firr di importo almeno pari a 1.000 euro, con facoltà di scegliere i rapporti di agenzia per i quali chiedere l’anticipazione.

La Fondazione renderà disponibile la nuova procedura nell’area riservata inEnasarco dopo il necessario via libera da parte dei Ministeri vigilanti.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button