Archivio Storico

Toscana, nuovi target sugli equivalenti

I medici di famiglia sono pronti a impegnarsi perché gli obiettivi di spesa fissati dalla Regione per quest’anno siano raggiunti. Ma è necessario che anche gli altri prescrittori facciano la propria parte. È questo il messaggio che domani la Fimmg recapiterà agli amministratori toscani nell’incontro in programma all’assessorato per la Salute. Tema dell’appuntamento, le misure dettate dalla Finanziaria 2012 a proposito di farmaci: quest’anno la spesa complessiva (territoriale più ospedaliera) dovrà scendere del 4% rispetto al 2011 e per tale motivo alle aziende sanitarie è già stato impartito l’ordine di incrementare i "target" di consumi di equivalenti. A cascata questo significherà per i medici di famiglia più prescrizioni di "off patent" ed ecco allora l’avvertimento della Fimmg. «Da tempo ormai i Mmg toscani hanno sposato la causa dell’equivalente» spiega Vittorio Boscherini [foto sotto], segretario regionale del sindacato «ma se dalle altre componenti del sistema non arriva la stessa partecipazione, difficile che si possano raggiungere gli obiettivi». Il riferimento è, naturalmente, ai medici ospedalieri e universitari. «Faccio un esempio concreto» prosegue Boscherini «se la Regione dice che i sartani sono da impiegare in seconda istanza e che a meno di controindicazioni la precedenza va data agli ace inibitori, è logico attendersi che a prescrivere i primi siano soprattutto i medici di famiglia, ai quali spetta il monitoraggio della terapia. Invece è vero il contrario: nella mia Asl, il 40% dei sartani sono prescritti dall’ospedale».

La richiesta della Fimmg, in sostanza, è che la Regione faccia in modo che tutti remino con la stessa lena: «Nel 2011» cita ancora Boscherini «la percentuale complessiva di equivalenti prescritta dai Mmg ha toccato il 64%; gli ospedalieri il 56%, gli universitari il 53%. L’obiettivo fissato dalla Regione era il 65%: noi l’abbiamo sfiorato, gli altri si sono fermati parecchio prima. Se non si cambia, non si va da nessuna parte». L’assessorato è avvertito.

13 febbraio 2012 – DoctorNews

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco