Primo Piano

Altroconsumo ad Aifa: perché farmaci scompaiono e riappaiono con aumenti. Le responsabilità dei distributori

Altroconsumo si incontra con i vertici dell’Aifa per chiedere quali ragioni siano alla base del fatto che ci sono “farmaci che scompaiono e riappaiono in farmacia con aumenti esponenziali, ingiustificati agli occhi dei pazienti”. La politica commerciale distributori causa aumento prezzi

30 ottobre 2014 – Mainfatti

Farmaci che scompaiono e riappaiono in farmacia con aumenti esponenziali, ingiustificati agli occhi dei pazienti” denuncia Altroconsumo, che ai vertici dell’Aifa (Agenzia italiana del Farmaco), chiede quali ragioni siano alla base:
 degli aumenti spropositati di prezzo dei tre farmaci della Aspen Pharma;
 della risposta ministeriale all’interrogazione parlamentare sugli aumenti di prezzo dei farmaci. In particolare Alkeran -melfalan (da 5.23 euro a 85.83 euro), Leukeran-clorambucile (da 7.13 euro a 90.20 euro) Purinethol-mercaptopurina (da 15.98 euro a 90.35 euro). La risposta del Ministero della Salute che riferisce di un allineamento ai prezzi più bassi in Europa è confutata dall’analisi di Altroconsumo che evidenzia come, al contrario, in Paesi quali la Grecia, la Spagna e il Portogallo il prezzo dei farmaci della Aspen continui a rimanere molto basso, com’era in Italia prima degli aumenti. – dell’aver acconsentito al passaggio dalla classe A alla classe C di Melfalan, perché farmaco obsoleto. Grazie a questo trasferimento il prezzo del Myleran-busulfano a marzo 2014 è passato da 15,78 euro a 387,84 euro: il prezzo cioè che i cittadini dovrebbero pagare per accedere a una cura obsoleta.
 del perché Aifa non abbia provveduto a ritirare il farmaco obsoleto dal mercato, visto che per legge ha facoltà di farlo.
Altroconsumo conclude sottolineando quindi come “l’aumento di questi prezzi in Italia appare comunque ingiustificato, anche se la tendenza sarà quella di allineare prima o poi i prezzi dei farmaci in tutti i Paesi europei”.

Redazione

Notizie correlate:

Carenze, focalizzare il problema sul contingentamento di farmaci

Carenze farmaci, Cini: separare farmacia e distribuzione all’ingrosso

Carenza Farmaci: trasformiamoli da costo in risorsa per il Servizio Sanitario.

M5S. Aifa: se non fa il suo dovere, a cosa serve?

 

Carenze, Altroconsumo: politica commerciale distributori causa aumento prezzi

Una carenza di farmaci aumenta il potere negoziale della casa farmaceutica quando si siede al tavolo con Aifa.

Sabato, 01 Novembre 2014 – Farmacista33

Gli aumenti spropositati del prezzo di alcuni farmaci ricomparsi sul mercato dopo un periodo di irreperibilità, sono dovuti alla politica commerciale dei distributori su cui Aifa ha ridotti margini di intervento.

È quanto emerso, stando a quanto dice a Farmacista33 Luisa Crisigiovanni, segretario generale di Altroconsumo, dall’incontro di Altroconsumo con i vertici Aifa che ha fatto seguito alle diverse segnalazioni diffuse dall’associazione consumatori nei mesi scorsi.

«L’incontro si è concluso con l’auspicio di una maggiore collaborazione» afferma Crisigiovanni «ma l’Aifa ci ha risposto che gli aumenti spropositati del prezzo di questi farmaci sono dovuti a una politica commerciale dei distributori e che i suoi margini di intervento sono ridotti.

I grossisti, attraverso le esportazioni parallele, di fatto determinano una carenza di questi farmaci, cosa che aumenta il potere negoziale della casa farmaceutica quando si siede al tavolo con Aifa, il cui unico modo per rimetterli in circolo sarebbe di aumentarne il prezzo».

In sostanza, i costi elevati non sarebbero attribuibili principalmente a chi produce i farmaci ma a chi li distribuisce e per alcuni in particolare, aggiunge Crisigiovanni, «c’è stato un passaggio da un’azienda farmaceutica a un’altra con un problema di cessione dei diritti brevettuali e l’Aifa avrebbe dovuto in qualche misura soggiacere alle richieste anche per questo motivo».

Gli aumenti di prezzo sono stati determinati da un problema di proprietà dei diritti di brevetto sul farmaco da una parte, mentre dall’altra si sono legati alla politica commerciale «che purtroppo queste case stanno facendo a discapito dei cittadini facendo dumping, andando a farsi remunerare dove il prezzo è più alto».
Renato Torlaschi

Carenza Farmaci: Federfarma Roma, ora Governo si muova

Tribunale Roma, servono interventi correttivi (ASCA) – ROMA, 31 ott 2014 – “Accogliamo con soddisfazione il provvedimento del Tribunale di Roma che, di fatto, invita le istituzioni italiane a intervenire al piu’ presto, da un punto di vista normativo, sul problema, ancora esistente, della carenza e/o rarefazione di alcune categorie di farmaci, come da noi denunciato piu’ di 1 anno fa”. Cosi’ il presidente di Federfarma Roma, Franco Caprino, commenta il provvedimento del Gip che, seppur archiviando la denuncia da parte dell’associazione, ha sottolineato che “la rarefazione di determinate categorie di farmaci, quantitativamente inidonei a far fronte alle richieste dell’utenza, e’ conseguenza negativa di un assetto normativo carente e necessitante di interventi correttivi”. In sintesi, spiega Caprino, dal provvedimento del tribunale “arriva un chiaro messaggio al Governo, quello di intraprendere azioni per rivedere le dinamiche che regolano il business del mercato parallelo”, grazie al quale grossisti e farmacisti comprano medicinali destinati al mercato italiano per poi rivenderli in mercati dove si guadagna di piu’, come Germania o Regno Unito. In tal senso, conclude il presidente di Federfarma, “ci auguriamo che l’Italia, come capofila del Semestre Europeo, possa davvero mettere mano ad una normativa che fino ad oggi ha avuto il grande demerito di danneggiare in primis i cittadini”. Tra i farmaci interessati dal mercato parallelo, ci sono farmaci antitumorali, antidepressivi, prodotti per il trattamento del morbo di Parkinson e dell’ipertensione e antiepilettici, broncodilatatori, anticoagulanti e farmaci per ridurre il colesterolo. red/mpd

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button