News

Anche in farmacia sacchetti a pagamento

Sacchetti, da Federfarma locandina per informare la clientela

29/12/2017 – Federfarma

La novità è già nota e sta facendo discutere parecchio, non solo tra i farmacisti: dal primo gennaio i sacchetti per la spesa in plastica biodegradabile e compostabile non potranno più essere forniti gratuitamente ai clienti ma andranno fatti pagare, con addebito sullo scontrino. L’obbligo scaturisce dalla legge 123/2017, che sul tema recepisce indicazioni provenienti dall’Unione europea dirette a sensibilizzare il pubblico sui problemi ambientali. E per aiutare le farmacie a informare correttamente i propri clienti, Federfarma ha realizzato una locandina che i titolari riceveranno con il primo numero del 2018 di Farma7, datato 12 gennaio.

L’avviso potrà essere affisso di fronte al banco o nelle vicinanze della cassa e mette nel dovuto risalto il fatto che l’addebito del sacchetto non dipende da una scelta della farmacia ma deriva da un preciso obbligo di legge: «Per ridurre l’utilizzo delle buste di plastica» recita il testo della locandina «il decreto-legge 91/2017, convertito dalla legge 123/2017, stabilisce che anche le buste biodegradabili e compostabili devono essere pagate dal cittadino. E il costo del sacchetto deve essere obbligatoriamente riportato sullo scontrino fiscale».

Un’anteprima dell’avviso è stata diffusa ieri da Federfarma tramite circolare, nella quale il sindacato ribadisce le indicazioni già fornite agli associati la settimana scorsa: l’obbligo di addebitare sullo scontrino il costo della busta di plastica «vale per tutti gli esercizi commerciali ed è stato confermato anche da Confcommercio e da Assobioplastiche, l’associazione dei produttori di plastiche biodegradabili e compostabili». Sul tema ieri è intervenuta anche Federfarma Verona con un comunicato diffuso alle testate della stampa generalista.

Notizie correlate: LEGGE 3 agosto 2017, n. 123

Ecco come funziona la legge sui sacchetti biodegradabili

Federconsumatori. intollerabili speculazioni nei negozi, specialmente nelle farmacie, dove i sacchetti costano fino a 60 centesimi!

Dietrofront sui sacchetti: si possono portare da casa

Filctem CGIL: “il bioshopper è una scelta civile verso il miglioramento ambientale e lo sviluppo di un’ economia sostenibile”

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button