News

Assistenti studio, dal nuovo contratto tutele pure a Mmg

«L’assistenza sanitaria integrativa per i medici di famiglia che assumono assistenti di studio è una bella novità sul nuovo contratto nazionale dei dipendenti dei nostri studi. Bisognerà capire come funzionerà con i medici di famiglia che già godono di tutele assicurative offerte dalla Cassa previdenziale (come l’assicurazione per i grandi rischi ndr) e dalle organizzazioni sindacali».

Massimo Magi, delegato Fimmg in Confprofessioni e presidente di Fondoprofessioni, il Fondo che provvede alla formazione del personale dello studio, sottolinea l’aspetto forse più nuovo del nuovo contratto firmato il 17 aprile e ratificato giorni fa da Confprofessioni, principale rappresentanza dei liberi professionisti che include i mmg Fimmg e i dentisti Andi. In vigore fino a marzo 2018, il testo si coordina con le nuove norme del Jobs act, ed estende alcune tutele. Possono essere assicurati non solo assistenti di studio del medico di famiglia e dell’odontoiatra, ma anche i collaboratori e praticanti dello studio -nonché contratti a tempo determinato, all’apprendistato e ai contratti a chiamata e di telelavoro – sia per l’assistenza sanitaria integrativa sia per le tutele del reddito minimo in caso di crisi.

Due i riferimenti per loro: l’ente bilaterale Ebipro che copre l’integrazione al reddito e la cassa di assistenza sanitaria integrativa Cadiprof. Per assicurare la copertura, il titolare versa 22 euro al mese per 12 mesi (e altri 2 li mette il lavoratore) con modello F24 Inps. Ma ha diritto anche lui alla tutela, se la vuole, versando le stesse cifre per sé. «I datori di lavoro iscritti a Confprofessioni sono notai, ragionieri, e sanitari; bisognerà calibrare la tutela in relazione ad esempio alle forme associative, e valutare quali prestazioni saranno coperte e come».

Cadiprof offre o un piano sanitario personalizzato che rimborsa in parte le spese per grande chirurgia, prestazioni ambulatoriali/gravidanza, o un piano famiglia che copre l’assistenza a un familiare disabile o le spese d’asilo nido, o materno-infantili o per grandi eventi al 20%. «Questi benefici erano già contemplati -dice Magi- però ora anche noi potremmo trarre vantaggi da una copertura dei ticket delle prestazioni ambulatoriali».

«L’altro elemento di interesse del contratto – aggiunge Magi – è che sia noi sia gli odontoiatri potremo provvedere alla formazione specifica dei rispettivi assistenti; il profilo dell’assistente di studio medico, solo citato nello scorso contratto, ora è attivo ai sensi delle relative tutele e ci permette di chiudere il tassello delle forme organizzative avanzate della medicina generale con collaboratori che potremo formare anche noi con Fondoprofessioni».

Mauro Miserendino – Martedì, 26 Maggio 2015 – Doctor33

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button