Archivio Storico

Bianco a Rossi: nessun fine promozionale da visite Sanofi in Omceo

Farmaci generici: una sola realtà, due modi opposti di interpretarla. Se da un lato la Campania punterà proprio sugli equivalenti per continuare nel processo di risanamento della spesa sanitaria così da conseguire un risparmio di 95 milioni di euro nel 2013, dall’altro lato lo Snami (Sindacato nazionale autonomo medici italiani) continua a denunciare i disagi causati dal «turbine della sostituzione di confezioni con differenti scritte, colori e dimensioni» che rischiano di mettere in confusione i pazienti anziani. Due tesi opposte, dunque, esposte pochi giorni fa a Napoli e a Roma. Nell’incontro partenopeo su "I farmaci equivalenti per la sostenibilità del sistema sanitario regionale", patrocinato da Assogenerici nell’ambito di una serie di eventi regionali, si è ricordato che in Campania i farmaci equivalenti coprono l’8% del totale della spesa farmaceutica netta a carico del Ssr, rispetto al 19% delle regioni più ‘virtuose’ per cui vi sarebbero ampi margini di miglioramento per ottimizzare la spesa e accrescere la sostenibilità del Ssr, portando la percentuale dei generici a livelli europei (la media Ue per il generico è del 50% sul totale dei farmaci dispensati). Molto critica invece la posizione espressa a Roma da Angelo Testa, presidente Snami, che si chiede «Qual è la logica che porta il farmacista ad avere il potere di consegnare al nostro paziente ogni settimana una confezione di un farmaco a volte del tutto diversa da quella consegnata la settimana precedente?». Lo Snami continua a pensare «che il Medico debba tornare a essere l’unico attore nella prescrizione dei farmaci ai propri assistiti e che altri non debbano intervenire alterando la sua scelta terapeutica, di cui si assume la responsabilità, e che dipende dalla profonda conoscenza di quel paziente che lo ha liberamente scelto». Così, nell’ambito del progetto Veritas, varato per approfondire le problematiche legate alla prescrizione per principio attivo e le possibili implicazioni per medico, farmacista e cittadino, il sindacato realizzerà a sua volta un ciclo di conferenze in tutta Italia.

4 giugno 2013 – DoctorNews

 

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco