News

Il caso di Bore (Parma) e i folli arabeschi della distribuzione diretta

Lo scrittore Ennio Flaiano disse una volta che «in Italia la linea più breve tra due punti non è la retta ma l’arabesco». Era una sferzata all’inclinazione di questo Paese per gli arzigogoli, ma se Flaiano fosse ancora tra noi avrebbe senz’altro dedicato il suo aforisma alla distribuzione diretta. Per convincersene basta andare a Bore, piccolo comune di 700 abitanti in provincia di Parma, e vedere come funziona da quelle parti. Lo racconta una lettera pubblicata ieri nella rubrica della posta dalla Gazzetta di Parma: ogni due giorni a settimana, il medico di paese affida le
Immagine correlataricette per i farmaci della diretta a un incaricato del Comune che le porta all’Asl di Fornovo, la quale a sua volta le invia alla farmacia interna dell’ospedale di Borgotaro; da qui i farmaci tornano tramite corriere all’Asl di Fornovo, che li affida all’incaricato comunale il quale a sua volta li porta all’ambulatorio medico di Bore. Dove i pazienti possono passare a ritirarli, sempre in uno dei due giorni alla settimana in cui è aperto.

Per dirla con Flaiano, questo è l’arabesco che la diretta disegna a Bore. Ci sarebbe anche la linea retta, quella che va dall’ambulatorio alla farmacia del paese, distante una decina di metri in tutto (secondo quanto riferisce la lettera). Ma non è sostenibile: come ha detto la Regione alla vigilia della mezza giornata di sciopero proclamato dalle farmacie emiliano-romagnole il 26 gennaio scorso, la dpc costa al servizio sanitario 5,02 euro a pezzo, la diretta 1,90. L’arabesco, in altri termini, sarebbe più conveniente della linea retta. Ma è davvero così? In quegli 1,90 euro, la Regione ha calcolato il costo annuale di tutti gli incaricati comunali che fanno su e giù con l’Asl un paio di volte alla settimana, della benzina che spendono e dell’auto pubblica che usurano? Ha calcolato la spesa annuale di tutti i corrieri che portano ricette e farmaci dalle Asl agli ospedali? C’è di che dubitarne, ma la verità è che nessuno lo sa: l’arabesco non è mai trasparente quanto la linea retta.

(AS – 17 febbraio 2017 – Federfarma)

Mappa della zona Bore, Fornovo, Borgotaro

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button