Caso oppioidi in USA. I giganti del farmaco cercano accordo da 50 miliardi di dollari per chiudere migliaia di cause

Caso oppioidi in USA. I giganti del farmaco cercano accordo da 50 miliardi di dollari per chiudere migliaia di cause

Con la scadenza del processo critico sul caso degli oppioidi, gli avvocati degli Stati e i tre maggiori distributori di farmaci nel paese, insieme ai due produttori, hanno raggiunto un accordo per risolvere migliaia di casi con un valore di quasi $ 50 miliardi in contanti e trattamenti di dipendenza.

Tre persone che hanno familiarità con i negoziati hanno affermato che le città e le contee di tutto il paese sostengono provvisoriamente gli ampi parametri dell accordo, ma stanno negoziando sul suo valore totale e sulle spese legali.

Hanno avvertito che i dettagli potrebbero cambiare e l’accordo potrebbe ancora saltare prima di lunedì, quando inizieranno le dichiarazioni di apertura nel primo processo federale per determinare la responsabilità dell’epidemia degli oppioidi. L’accordo coinvolge AmerisourceBergen, Cardinal Health e McKesson, che insieme distribuiscono circa il 90 percento delle medicine del paese, insieme a Johnson & Johnson e Teva, il produttore israeliano di medicinali generici, e un elenco in rapida crescita di oltre 2300 cause legali pronte ad affrontare i tribunali federali e statali.

Tutte le società o non hanno risposto alle richieste di commento o si sono rifiutate di farlo. Pennsylvania, Carolina del Nord, Tennessee e Texas stanno conducendo i colloqui per conto degli Stati, insieme agli avvocati di città e contee i cui casi sono in discussione presso il tribunale federale.

Dalla fine degli anni 90, oltre 400.000 persone negli Stati Uniti sono morte per overdose di antidolorifici e oppioidi illegali, tra cui eroina e fentanil. L’epidemia è considerata una delle maggiori crisi di salute pubblica nella storia del Paese.

I tre distributori di farmaci e Teva sono imputati nel primo processo, promosso da due contee dell’Ohio. Con migliaia di cause governative in qualche modo simili alla ribalta nazionale, la causa dell’Ohio è considerata un’importante vetrina che metterà alla prova la forza dei testimoni di entrambe le parti e gli argomenti legali davanti a giurati. Anche se le discussioni continueranno, così continuerà anche la selezione di una giuria, in previsione dell’inizio dell’eventuale processo, se i colloqui dovessero fallire. Johnson & Johnson ha recentemente stabilito un accordo con le due contee dell’Ohio per circa $ 0,4 milioni, ma la società è stata citata anche in molti altri casi.

Anche molti altri produttori di farmaci e catene di farmacie sono stati citati fra gli imputati in casi federali e statali per gli oppioidi, ma a quanto pare non sono coinvolti in questi negoziati.

Il produttore di OxyContin, Purdue Pharma – che è attualmente in tribunale fallimentare – ha un accordo provvisorio e molto controverso con gli avvocati per migliaia di cause municipali e nel tribunale federale e quasi due dozzine di Stati, se l’accordo verrà finalizzato, rimuoveranno la società dalla maggior parte dai casi degli oppioidi.

Secondo le persone che hanno familiarità con i colloqui, il valore combinato dell’accordo attuale si suddivide come segue: da $ 20 a $ 25 miliardi in contanti da dividere tra gli Stati e le località per aiutare a pagare l’assistenza sanitaria, le forze dell’ordine e altri costi associati all’epidemia; e altri da $ 25 a $ 30 miliardi di farmaci, per forniture e servizi di trattamento delle dipendenze.

Le persone che hanno familiarità con i negoziati hanno affermato che molti dettagli sono ancora in discussione, incluso il calendario per il pagamento del denaro. Resta da vedere se l importo sarà considerato sufficiente da tutti i querelanti.

Un nuovo rapporto della Society of Actuaries prevede che i costi relativi all’epidemia di oppioidi ammontino a 188 miliardi di dollari nel solo 2009, compresi l’assistenza sanitaria, i programmi di assistenza ai minori e alla famiglia, le attività di giustizia penale e la perdita dei salari.

Le persone che hanno familiarità con i colloqui hanno affermato che un punto critico nelle trattative è la quantità di denaro destinata alle spese legali per gli avvocati privati che rappresentano i governi nella stragrande maggioranza dei casi e lavorano sulla contingenza. Tali avvocati hanno presentato le prime cause legali per gli oppiacei nel 2014 e da allora hanno condotto centinaia di deposizioni e compilato molti milioni di documenti.

The New York Times – Wednesday October 16, 2019

Notizie correlate: Medici senza frontiere in protesta alla Johnson & Johnson

 

Related posts