Archivio Storico

CRAC X-PHARMA

— AGRATE BRIANZA — CINQUE ARRESTI per bancarotta fraudolenta per il fallimento della “X-Pharma”, la multinazionale farmaceutica al centro Colleoni dichiarata fallita lo scorso marzo con un buco di 22 milioni di lire mettendo sulla strada 376 informatori scientifici. Le manette sono state fatte scattare dagli uomini della Guardia di Finanza di Monza, che hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare in carcere chieste dai sostituti procuratori monzesi Walter Mapelli e Giordano Baggio, nei confronti di un unico brianzolo, Maurizio Rollero, 55 anni, genovese residente a Bernareggio che è stato presidente del consiglio di amministrazione della multinazionale fino alla fine di settembre del 2008 e anche di Giovanni Di Brita, 36 anni, commercialista residente a Salerno, AF.F., 52 anni, della provincia di Salerno, di Frederick Francois De Luca, 43 anni, di origine francese e residente nella provincia di Ascoli Piceno e di Felice De Prisco, 55 anni, residente a Verbania.
Secondo l’accusa gli indagati avrebbero concorso a fare fallire la X-Pharma. In particolare Maurizio Rollero è indagato dai magistrati monzesi con l’accusa di avere portato, insieme ad altre persone allo stato non identificate, al dissesto la X-Pharma con false comunicazioni societarie e in particolare assumendo personale proveniente da multinazionali francesi o belghe che volevano evitare di aprire per i lavoratori in esubero procedure di mobilità, senza avere impostato alcun piano aziendale per inserire i lavoratori nell’organigramma societario, ma soltanto in cambio di somme corrisposte come anticipi sulle mensilità e sul Tfr per ogni lavoratore assunto, denaro che sarebbe servito per ottenere liquidità e fare salire il valore delle azioni della X-Pharma nel tentativo di vendere una bella scatola vuota. Quando il progetto di vendita non era riuscito ad andare in porto, sempre secondo l’accusa, sarebbero subentrati gli altri quattro indagati allo scopo di prosciugare definitivamente le casse della società distraendo dal patrimonio della X-Pharma l’ultimo milione di euro che sarebbe ancora rimasto.

May 25, 2009 by juble
da Il Giorno articolo di STEFANIA TOTARO

Articoli correlati

Back to top button