News

Epatite C, i pazienti ricorrono al giudice

Ricorrono al giudice per ottenere gratuitamente dal Servizio sanitario nazionale il ‘superfarmaco’ contro l’epatite C sofosbuvir, in grado di debellare la malattia, ma molto costoso.

Per ora sono 3 pazienti di Parma, ma presto potrebbero diventare 8. Altri 5 stanno infatti per intraprendere la stessa iniziativa, 3 dei quali a Milano. I 3 pazienti sono assistiti dallo studio legale DeFilippi e associati, che per ognuno di loro ha intrapreso 2 strade presso il tribunale di Roma.

Per prima cosa un ricorso ex articolo 700 del Codice di procedura civile, in cui viene chiesto al giudice un provvedimento urgente che imponga al ministero della Salute e all’azienda produttrice Gilead Sciences di fornire immediatamente una terapia completa con sofosbuvir, completamente a carico del Ssn.

La seconda mossa è un atto di citazione ordinario per chiedere a ministero e casa farmaceutica un risarcimento pari a 800 mila euro per ogni paziente, di cui 500 mila euro per danni da trasfusione, patrimoniali e morali.

“Ci auguriamo che arrivino presto nuovi farmaci anti-epatite C in grado di essere commercializzati per tutti – afferma a Pharmakronos l’avvocato Claudio DeFilippi – perché in questo momento non tutti possono pagare le cifre richieste in Italia per l’unico farmaco salvavita presente sul mercato”.

Paola Olgiati – 10 febbraio 2015 – PharmaKronos

Notizia correlata: Epatite C, quali le criticità di gestione presenti nel nostro Paese? 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button