Archivio Storico

Farmindustria: decisioni di Giunta

Comunicato Stampa del 29 marzo 2007.
Siamo convinti che Imprese e Medici debbano collaborare intensamente per raggiungere obiettivi comuni di valore etico e scientifico collegati alla reciproca attività. Va dunque intensificato il dialogo già avviato con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri, le Rappresentanze sindacali e le Società Scientifiche nelle aree della formazione, dell’informazione e della ricerca. Aree fondamentali nella tutela della salute da cui si può partire per costruire una politica del farmaco innovativa. Le imprese intendono così continuare ad offrire un contributo fondamentale, anche di conoscenza, nelle terapie che migliorano l’aspettativa e la qualità della vita dei cittadini e che sono frutto dei loro investimenti e del loro impegno. La Giunta di Farmindustria ha approvato nuove regole di autoregolamentazione in materia di congressi e convegni come primo passo di questo percorso qualificante. Le norme – ancora più restrittive delle precedenti – limiteranno la sponsorizzazione degli eventi a quelli con i più elevati standard di qualità. Il rigore scientifico sarà garantito dalla forte riduzione del numero degli eventi e dalla necessaria preventiva autorizzazione. Così come attenzione particolare alla formazione sarà assicurata ai giovani medici cui sarà riservata una quota delle presenze agli eventi. Per garantire l’efficacia delle regole approvate, Farmindustria attiverà in proprio e si adopererà perché vengano resi operanti ed efficaci rigidi controlli sulla loro applicazione. E’ la risposta, concreta e responsabile, che le imprese del farmaco danno all’esigenza di aggiornamento e formazione degli operatori sanitari. La Giunta di Farmindustria ha infine dato un primo assenso alla revoca della decisione di ottobre di bloccare le sponsorizzazioni degli eventi congressuali relativamente alle spese di ospitalità dei medici. Una decisione che sarà resa efficace nelle prossime settimane, dopo le necessarie verifiche con le Associazioni dei Medici e le Istituzioni.  
 

Articoli correlati

Back to top button