Il controllo sociale delle lobbies in uno studio Usa

Il controllo sociale delle lobbies in uno studio Usa

Tostato da Alessia Niccolucci7 ottobre 2012 – Caffè News

Facciamo tutti scelte apparentemente consapevoli e apparentemente razionali quando siamo a conoscenza di un potenziale rischio: mangiamo cibo biologico, prodotti multivitaminici e siamo pronti rapidamente a rinnegare alcuni prodotti al minimo accenno di pericolo. Siamo noi a portare le pistole e a votare per il candidato che ci sembra ci terrà al sicuro. Ma queste scelte spesso non sono affatto considerate con attenzione e, sorprendentemente spesso, sono in contrasto con la ragione. E molte di queste decisioni ci possono mettere in pericolo più di altre.

I ricercatori nel campo delle neuroscienze, psicologia, economia e altre discipline hanno fatto una serie di scoperte sul perché gli esseri umani a volte temono più che le prove giustifichino qualcosa o qualcuno, e talvolta meno le prove che ci avvertono di qualcosa o di qualcuno. E una delle prove più attuali e significative di questi risultati è la paura dei vaccini, in particolare i vaccini per i bambini.

In un sondaggio della Cambridge University è emerso che quasi un genitore su tre con un figlio di 18 anni è preoccupato per i vaccini, e circa un americano su quattro non è convinto del loro valore e sicurezza in generale. Nel stesso sondaggio, circa uno su cinque intervistati laureati teme che la vaccinazione infantile sia collegata con l’autismo, e il 7 per cento ha detto di temere un legame con diabete di tipo 1.

La maggior parte di queste e altre preoccupazioni circa i vaccini sono infondate: un rapporto completo, realizzato lo scorso anno dall’Istituto di Medicina è solo uno dei molti studi che riferiscano che questi non causano l’autismo, il diabete, l’asma o altre affezioni principali elencate dal movimento anti-vaccinazione.

Eppure queste paure, feroci e viscerali, persistono. Secondo i medici e funzionari frustrati della Sanità, la vaccino-fobia sembra un rifiut

Related posts