News

Individuate 13 molecole anti Covid su 90 potenzialmente efficaci

FDA-approved drugs or experimental drugs with ample health data could be rapidly tested in humans for treatment of COVID-19.

June 03, 2021 – Scripps

I ricercatori dello Scripps Research Institute americano di La Jolla CA hanno individuato “90 farmaci esistenti o candidati farmaci” con azione antivirale contro il coronavirus pandemico.

Tra questi composti, lo studio ha identificato quattro farmaci clinicamente approvati e nove composti in altre fasi di sviluppo con un forte potenziale per essere riproposti come farmaci orali per COVID-19, secondo i risultati pubblicati il giugno sulla rivista Nature Communications. Dei farmaci che hanno impedito al coronavirus di replicarsi nelle cellule umane, 9 sono stati trovati funzionare in associazione o in sinergia con remdesivir, una terapia antivirale approvata per il trattamento di COVID-19. “Anche se ora disponiamo di vaccini efficaci contro il COVID-19, mancano ancora farmaci antivirali altamente efficaci che possano prevenire le infezioni da COVID-19 o impedirne il peggioramento”, afferma Peter Schultz, PhD, Presidente e CEO di Scripps Research.

“I nostri risultati aumentano la possibilità  per riutilizzare farmaci orali esistenti con efficacia contro SARS-CoV-2”, aggiunge. “Abbiamo identificato farmaci esistenti promettenti e stiamo anche sfruttando i nostri risultati per sviluppare antivirali ottimizzati che saranno più efficaci contro SARS-CoV-2, comprese varianti e ceppi resistenti ai farmaci, nonché contro altri coronavirus attualmente esistenti o che potrebbero emergere in futuro.”

In una collaborazione tra Calibr, la divisione per la scoperta di farmaci di Scripps Research, e un team di ricercatori del Dipartimento di immunologia e microbiologia dell’istituto, lo studio ha testato più di 12.000 farmaci in due diversi tipi di cellule umane infettate da SARS-CoV-2. I farmaci utilizzati nello studio provenivano dalla libreria di riutilizzo dei farmaci ReFRAME, istituita da Calibr nel 2018 con il supporto della Fondazione Bill & Melinda Gates per affrontare aree di urgente bisogno medico insoddisfatto, in particolare le malattie tropicali trascurate.

La collezione contiene farmaci approvati dalla FDA e altri composti sperimentali che sono stati testati per la sicurezza nell uomo. “All inizio della pandemia di COVID-19, abbiamo visto che ReFRAME potrebbe essere sfruttato per lo screening dei risultati contro SARS-CoV-2”, afferma Arnab Chatterjee, PhD, vicepresidente della chimica farmaceutica presso Calibr. “Nei mesi successivi, abbiamo avviato numerose collaborazioni scientifiche per accelerare la scoperta di farmaci, sia internamente a Scripps Research che con partner nazionali e internazionali”.

Alcune delle strategie antivirali che si sono dimostrate più valide sono ‘cocktail’ di diversi farmaci come quelli usati contro le infezioni da Hiv”, precisa Thomas Rogers, corresponding author dello studio. “Il potenziale vantaggio di una combinazione di medicinali è che l’assunzione di una dose più bassa di qualsiasi farmaco può ridurre il rischio di effetti collaterali di quel singolo composto”, evidenzia Malina Bakowski, autrice principale.

In base a quanto osservato nelle colture cellulari, i gli scienziati hanno testato i candidati più performanti su cellule di tessuti umani e su modello animale. “I risultati dei test cellulari e nei modelli animali sono molto promettenti”, commenta Schultz. “La necessità di trattamenti medici per affrontare Covid-19 resta”, ribadisce. Ma “è fondamentale procedere con il massimo rigore per determinare ciò che è sicuro ed efficace. E’ questo il percorso più opportuno per trovare nuove terapie che faranno la differenza per i pazienti”.

 I risultati dello schermo della libreria ReFRAME sono disponibili sul portale dati reframedb.org.

Originale: Extensive study identifies over a dozen existing drugs as potential COVID-19 therapies

Notizie correlate: Nuovo coronavirus: il punto sulle terapie in uso

AIFA. Report monitoraggio anticorpi monoclonali 28 maggio – 3 giugno 2021

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button