Archivio Storico

Lavoratori della Sigma Tau bloccano giocatori della Roma

LAVORATORI SIGMA TAU BLOCCANO I GIOCATORI DELLA ROMA

29 gennaio 2012 14:22 

 

Parola d’ordine: tenere alta l’attenzione. Ed oggi i dipendenti Sigma Tau ci sono riusciti benissimo, andando a bloccare il pullman dei giocatori della A.S. Roma a Trigoria. I calciatori, diretti allo stadio Olimpico per la partita contro il Bologna, sono rimasti quasi mezz’ora fermi, con un “muro” di persone, adulti e bambini, che impedivano il passaggio. “Vogliamo che tutti sappiano quello che sta succedendo – hanno spiegato i lavoratori – perché finora non è stato dato il giusto rilievo al dramma di centinaia di lavoratori. Dopo la protesta dei dipendenti dell’Alcoa, che una settimana fa, a Cagliari, hanno bloccato i giocatori della Fiorentina, abbiamo capito che riuscire a rimandare anche solo di un minuto la partita avrebbe portato l’attenzione sul nostro problema. Trigoria è vicinissima alla sede della Sigma Tau, ed il suocero di Francesco Totti un nostro collega. Venire qui è stato naturale”.
I dipendenti,circa un centinaio, hanno manifestato in maniera pacifica per l’intera mattinata, poi, al momento in cui i calciatori sono saliti a bordo del pullman della società, si sono posizionati in modo da bloccare il transito. Tra striscioni, fumogeni e cori da stadio, hanno chiesto ai giocatori di scendere, cercando comprensione. “Cinque minuti del vostro tempo: ci basta questo. Lo stadio non scappa, il lavoro sì”. Dopo venti minuti di protesta – con cori che, iniziati con “Forza Roma”, si stavano trasformando in “Siete delle m… non capite i problemi della gente che prima viveva con 1200 euro al mese e che adesso non ha più neppure quelli”, per poi arrivare in “Francesco, Francesco”, rivolti al capitano giallorosso – finalmente lo sportello del pullman si è aperto, facendo scendere Francesco Totti e Simone Perrotta in rappresentanza della squadra.
“Ho moglie e due figli”, ha spiegato un lavoratore al quale, per stemperare la drammaticità del momento, Totti ha risposto “Pure io ho moglie e due figli”.
“Francesco – gli ha poi detto il dipendente – io sono della Lazio, ma ti voglio bene lo stesso, soprattutto se ci dai una mano a far conoscere la nostra situazione, che tu dovresti conoscere benissimo, visto che tuo suocero è un nostro collega. Abbiamo bisogno di voi”.
“Cosa posso fare?”, ha chiesto il capitano della Roma.
“Mettiti il cappellino con scritto 569”, ha risposto il lavoratore. Ricevuta conferma da parte del

Articoli correlati

Back to top button