L’economista, piccole aziende in crisi migrano su integratori

L’economista, piccole aziende in crisi migrano su integratori

Sarebbero necessarie “politiche per sostenere queste realtà italiane”. Si tratta di “aziende che non hanno la massa critica per puntare sull’innovatività, piccole, che vivono di co-marketing di prodotti con altre imprese e che sono in crisi perché il tempo dei blockbuster è finito.

Sempre più spesso le piccole aziende farmaceutiche italiane in difficoltà economiche scelgono di dedicarsi al mercato degli integratori alimentari, più redditizio e meno sottoposto a burocrazia.

Una situazione di cui si parla poco, evidenziata a Pharmakronos da Roberto Giampietri, professore a contratto di Aspetti di economia e marketing dei medicinali all’università degli Studi di Milano, secondo cui sarebbero necessarie “politiche per sostenere queste realtà italiane”.

L’esperto spiega che si tratta di “aziende che non hanno la massa critica per puntare sull’innovatività, piccole, che vivono di co-marketing di prodotti con altre imprese e che sono in crisi perché il tempo dei blockbuster è finito. Si stanno dunque buttando sul mercato degli integratori e dei dermocosmetici.

Il risultato è, però, che le farmacie sono ‘ingolfate’ di questi prodotti e non sono in grado di gestire gli assortimenti: di farmaci ne esistono circa 8.500 fra le varie indicazioni, mentre parafarmacie e integratori (che comunque rappresentano ancora il 30-40% del fatturato delle farmacie) sono oltre 13.000.

Ma per commercializzarli basta una notifica al ministero della Salute. Il risultato – conclude – è che si crea un enorme divario con le grandi aziende”.

Barbara Di Chiara -08 Luglio 2014 – PharmaKronos

 

 

AD

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!