News

Menarini. Smart working al venerdì per i lavoratori. Esclusi gli esterni e i reparti di produzione.

Il gruppo farmaceutico Menarini ha firmato un accordo aziendale con i sindacati di categoria che fissa due giorni di smart working la settimana, lasciandone uno da stabilire ma istituendo il venerdì fisso in modo da rendere più lungo e migliore il fine settimana dei dipendenti che staranno di più con la famiglia restando per tre giorni a casa se abitano lontani o godendosi il fine settimana al mare insieme. (fonte Repubblica Firenze)

Unico punto fermo è che si tratti di un luogo privato, comunque ben connesso e che garantisca la necessaria riservatezza.

Uno degli obiettivi dell’accordo, oltre all’efficienza aziendale, è quello di dare ai dipendenti – potranno usufruirne circa 1.500 sui complessivi 3.000 della sede fiorentina – la possibilità di godere del weekend in famiglia consentendo a chi lavora lontano da casa una maggiore flessibilità negli spostamenti. Ma non solo. Anche quello di garantire una maggiore qualità della vita a tutti dal momento che i dipendenti di Menarini quel venerdì potranno lavorarlo da luogo che preferiscono. Una casa al mare, per esempio.

«La decisione di scegliere il venerdì come giorno fisso per lo smart working – dice Massimo Galeazzi, direttore delle risorse umane del gruppo – è nato per dare una risposta concreta in termini di sostenibilità e chiaramente è un’opportunità che garantisce una migliore qualità della vita per i nostri dipendenti. Da parte dell’azienda questo modello sperimentale è una grande apertura e un’attestazione di fiducia riconosciuta ai dipendenti che già durante la pandemia hanno dimostrato di meritarla».

A poter usufruire dello smart working saranno tutti i dipendenti fatta eccezione per gli esterni e per i reparti di produzione. Un modello non scontato per l’azienda che «è arrivata a questo risultato – aggiunge Galeazzi – dopo una serie di riflessioni: qui le interazioni umane sono un elemento imprescindibile e la presenza per noi è un valore: il giorno fisso va incontro anche a questa esigenza, così Menarini non perde la capacità di relazione dei dipendenti che sono negli altri giorni, fatta eccezione per il secondo giorno di smart working, in presenza. Di fatto Menarini con questo accordo è pronta a vivere un inevitabile cambiamento senza subirlo ma anzi personalizzando il nuovo strumento».

L’accordo scadrà il 30 giugno 2023 e sarà rinnovato tacitamente almeno che azienda o sindacati non ritengano di rivederlo. Se la gran parte del personale potrà contare su due giorni, c’è anche chi avrà l’opportunità di allungare lo smart working.

«Un risultato innovativo rispetto al panorama delle aziende fiorentine – commenta Mirko Zacchei della Femca Cisl – non per i giorni di smart working pratica che viene utilizzata nella gran parte delle grandi aziende ma per il giorno fisso che aiuta molto i lavoratori e le loro famiglie nella gestione del proprio tempo. Inoltre è stata prevista anche la possibilità che l’azienda valuti situazioni specifiche per il rientro della maternità nel caso di richieste di svolgere le proprie mansioni in smart working e per il personale domiciliato a una distanza superiore agli 80 chilometri dalla sede».

(riassunto da il Tirreno Firenze)

Notizie correlate: Ministero del Lavoro. Smart working

Nota:

CCNLL’attività da remoto in ambienti scelti dal Lavoratore deve comunque garantire la qualità della prestazione e il benessere del Lavoratore, in attuazione delle norme di legge e contrattuali.

Lo svolgimento dell’attività al di fuori degli ambienti lavorativi sottoposti al controllo diretto del datore di lavoro e dei suoi delegati, comporta la definizione e attuazione di precise policy e il corretto uso delle adeguate strumentazioni e fornite dal datore di lavoro (p.e.: checklist di autovalutazione), nonché il rispetto dele nozioni fornite con la specifica informazione e formazione del Lavoratore, di cui il Datore di lavoro è responsabile.

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco