Primo Piano

Modena. Inchiesta oncologia, corruzione e sperimentazione farmaci per finanziare sottobanco onlus di comodo. Coinvolti ISF. Le aziende inquisite

Il professore Massimo Federico, docente universitario di Oncologia del Policlinico di Modena è accusato di sperimentazioni presentate come no profit, ma invece ritenute dalla Procura organizzate e finanziate. Dopo una indagine riservata per cinque anni si è arrivati a 14 richieste di rinvio a giudizio per corruzione.

TV Qui Modena – 26 ottobre 2018

Sperimentazioni di Farmaci dichiarate falsamente ‘no profit’. Dopo una indagine tenuta riservata per cinque anni e condotta dai Nas con la supervisione della procura si è arrivati alla richiesta di 14 rinvii a giudizio per corruzione.

Tra questi due medici docenti ordinari alla Facoltà di Medicina del Policlinico di Modena: il professor Massimo Federico, accusato di corruzione, abuso d’ufficio, peculato e interruzione di pubblico servizio. E il professor Stefano Sacchi, docente ordinario di Medicina Interna e medico anche del Dipartimento di Oncologia, accusato in concorso solo per il peculato e l’abuso d’ufficio nell’utilizzo degli spazi e delle attrezzature del Policlinico.

Con loro una lunga lista di manager e informatori delle cinque multinazionali farmaceutiche coinvolte. Secondo i sostituti procuratori dal 2010 al 2014 le cinque multinazionali hanno ottenuto dal prof Federico garanzie per lo svolgimento di undici sperimentazioni presentate al Comitato Etico del Policlinico come “no profit” e che invece sottobanco sarebbero state organizzate e finanziate.

Un flusso di denaro convogliato sotto forma di sponsorizzazioni a convegni e meeting e attraverso versamenti sulle onlus, Fil e Gisl, e dell’associazione Angela Serra, della quale il professor Federico era una figura di riferimento. Ammontano a quasi un milione e mezzo di euro i soldi individuati dalla Procura come corrispettivi di corruzione.

Siamo nel pieno degli scandali che hanno travolto il Policlinico e le strutture sanitarie universitarie; all’inizio dell’inchiesta su Cardiologia. In questo caso si parte da lontano, dalle ruggini tra l’oncologo modenese e l’Ausl per la gestione del Registro dei tumori, partono esposti, denunce e contro-denunce, si arriva anche alla perquisizione degli uffici del Com e al sequestro, sempre da parte dei carabinieri del Nas di hard disk e di documentazione. Federico affronta scioperi della fame, indice conferenze stampa e affida la sua difesa al magistrato simbolo di Mani Pulite, Antonio Di Pietro.

Per ogni sperimentazione avviata gli investigatori hanno identificato la corrispettiva corruzione: ora una forma di sponsorizzazione a convegni e meeting, ora un versamento diretto sui conti correnti delle onlus Fil e Gisl e dell’associazione Angela Serra, della quale il professor Federico era figura di riferimento.

I farmaci per cui sono stati chiesti e ottenuti test clinici adesso sono noti: Adcetris della Takeda Italia, Bendamustina e Folotyn di Mundipharma, Lenalidomide e Romidepsina della Celgene. Il professor Federico, grazie al carisma personale e professionale, regalava un elemento in più a garanzia della loro bontà: consentiva l’avvio della sperimentazione e li promuoveva nel corso di convegni medici. Nelle carte della richiesta di rinvio a giudizio si legge: “Le sperimentazioni concordate erano tese al profitto, al contrario di quanto indicato”.

L’oncologo al momento si trova in Spagna per motivi accasemici e ha annunciato una sua conferenza stampa per i prossimi giorni.

L’inchiesta di Modena, giunta alla sua conclusione, rimanda – per il tema, il rapporto tra case farmaceutiche e clinici – all’arresto del responsabile della struttura complessa di Ematologia dell’Azienda ospedaliera di Parma, Franco Aversa. Avvenuto lo scorso 8 ottobre.

Notizie correlate: Corruzione e peculato, il prof. Federico smonta le accuse: “Sono io che esigo giustizia”

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco