News fedaiisf

Niger. L’Associazione degli informatori scientifici ha eletto il nuovo presidente. L’intervista

Nel mese scorso l’Associazione nazionale degli informatori scientifici del Niger ha provveduto al rinnovo del proprio direttivo. È stato eletto presidente Mustapha Abbagana che succede a Inazel Albachir. Nei paesi francofoni gli ISF sono chiamati Délégués Médicaux, tradotto Delegati Medici.

Riportiamo l’intervista che il presidente ha rilasciato alla stampa locale principalmente per due motivi: 1 che anche in un Paese come il Niger gli ISF (Delegati Medici) non sono venditori né sono definiti rappresentanti di vendita e, 2, che “tutto il mondo è paese”


Sig. Abbagana Moustapha, Presidente dell’Associazione nigeriana di Delegati medici (ANDM): “I delegati medici per dare il loro contributo nel guarire i malati… »

Signor Presidente dell’Associazione nigeriana dei delegati medici, quale ruolo concreto svolge un delegato medico nel campo della salute?

Grazie per questa opportunità che mi date di parlare della nostra professione. Innanzitutto, va notato che l’impresa farmaceutica oggi è un’industria a sé stante. Produce beni che riguardano la salute delle persone. Chi parla di industria, parla anche della commercializzazione dei prodotti ma anche della promozione del settore. Questo ci porta a parlare del ruolo del delegato medico in ambito sanitario. È l’intermediario tra il laboratorio e i numerosi professionisti del settore medico o paramedico (medici, farmacisti, ecc.). Mira a garantire che i professionisti in questo settore abbiano maggiori conoscenze dei prodotti dell’azienda che rappresenta. Ma ci tengo a precisare che il delegato medico non è un venditore, fa il collegamento tra e l’azienda e il medico per fargli conoscere i nuovi farmaci. La sua missione è informare e dimostrare l’efficacia del  prodotto e, indirettamente, promuove una prescrizione appropriata ai pazienti.

Quali sono i requisiti per una carriera in questa professione?

Il delegato medico deve possedere determinate qualità necessarie per svolgere la sua missione. È una professione difficile. Deve avere almeno un diploma e BAC+1 (n.d.r.: diploma universitario di primo livello)  e deve essere determinato e organizzato nello svolgimento del proprio lavoro. Deve anche avere un senso della comunicazione e un buon contatto umano perché entrerà in contatto con molti medici. Il delegato medico deve essere un informatore medico, ovvero percorre la zona target che costituisce il suo settore per presentare i nuovo medicinali ai medici negli ospedali o nelle cliniche. Non è un venditore però deve conoscere tutte le tecniche di comunicazione per interloquire con medici di medicina generale o specialisti al fine di presentare loro i prodotti commercializzati dall’azienda che rappresenta. Egli descrive in maniera precisa e dettagliata le caratteristiche del nuovo farmaco descrivendone la composizione, le controindicazioni, gli effetti collaterali e le istruzioni per l’uso. Per questo, in virtù della sua formazione, ha bisogno di un certo background scientifico per svolgere le sue attività. Questo è il motivo per cui siamo organizzati nell’Associazione nigerina dei delegati medici (ANDM): per organizzare il nostro ambiente di lavoro e garantire, tra l’altro, la formazione dei delegati medici sui medicinali perché la professione richiede di essere aggiornati sull’informazione sui farmaci. I delegati devono quindi seguire corsi di formazione continua, seminari o altre attività relative al settore.

Ci parli dei rapporti tra delegati medici, operatori sanitari e Ministero della Salute?

I delegati medici sono al centro del sistema sanitario. Infatti, sono i primi in contatto diretto con l’azienda di produzione ma anche con medici, farmacisti, distributori all’ingrosso. I nostri rapporti con tutti questi professionisti della salute consistono nel promuovere la conoscenza o la dispensazione dei prodotti che l’azienda farmaceutica mette loro a disposizione spiegandone le caratteristiche. Quanto al Ministero della Salute, è la nostra autorità di regolamentazione. Nell’ambito della registrazione dei medicinali, sottoponiamo i nostri dossier per l’approvazione dei medicinali al fine di metterli a disposizione di prescrittori e farmacisti. Pertanto, il nostro lavoro è svolto nel rispetto della leggi e regolamenti vigenti.

Signor Presidente, le persone spesso si lamentano del fatto che i delegati medici visitino gli operatori sanitari durante le ore di ambulatorio, si prendono il loro tempo per la loro attività senza preoccuparsi dei pazienti in attesa. Cosa risponde?

Siamo consapevoli che molte persone non hanno familiarità con la professione del delegato medico e ci sforziamo, come ANDM, per correggere questa situazione. La supervisione dei delegati medici assicura l’ottimizzazione dell’organizzazione, la pianificazione e la frequenza delle visite. I delegati medici devono rispettare il ritmo e gli orari delle visite volute dai medici e il termine entro il quale quest’ultimo desidera vederli. I delegati medici si sforzano di non disturbare il corretto funzionamento dello studio medico o della struttura sanitaria visitata. Vede, abbiamo anche un codice etico e vogliamo rispettarlo.

Per quanto riguarda i pazienti, ad esempio, il delegato medico è tenuto al segreto professionale e non deve rivelare nulla di ciò che ha potuto conoscere, vedere o ascoltare nei locali dell’ambulatorio o della struttura sanitaria del medico durante la visita medica. Deve osservare un comportamento discreto in sala d’attesa e essere rispettoso del medico e dei pazienti nonché del rapporto del medico con i pazienti. Non siamo lì per disturbare, ma al contrario per dare il nostro contributo alla guarigione dei pazienti facendo informazione su nuovi prodotti ancora più efficaci.

Le sembra che i prodotti che riceve dalle grandi case farmaceutiche servano da test?

I prodotti che riceviamo dai laboratori sono campioni con vari orientamenti. Abbiamo campioni destinati alla registrazione al fine di avere la cosiddetta Autorizzazione all’Immissione in Commercio (AMM) rilasciata dal Ministero della Salute pubblica. Vengono inoltrati al Dipartimento di Approvazione, al Dipartimento di Farmacia e Medicina Tradizionale (DPH/MT) da analizzare da parte degli esperti al fine di confermarne la rispondenza o meno alle norme previste dai testi vigenti in Niger e testi comunitari. Inoltre, nel rispetto delle normative, campioni gratuiti di alcuni farmaci possono essere forniti ai prescrittori per familiarizzare con i prodotti.

Cosa si aspetta dalle autorità e da tutti i tuoi partner?

Come può vedere, il delegato medico è oggi al centro del settore sanitario. Questo è il motivo per cui l’ANDM chiede la comprensione e la benevolenza di tutti i partner al fine di raggiungere questi obiettivi. In particolare, ci aspettiamo dal nostro Ministero della Vigilanza, maggiore diligenza nella gestione e trattamento delle pratiche presentate nell’ambito della registrazione dei prodotti medici. Maggiori facilitazioni nella fornitura di informazioni in relazione ai file ci consentiranno di andare avanti. In effetti, ci sono file per i quali attendiamo le autorizzazioni all’immissione in commercio (AMM) dal 2017.

Vorremmo quindi che il processo di approvazione dei farmaci fosse rivisto e semplificato al fine di consentire la disponibilità di nuovi farmaci. Comprendiamo la vigilanza dello Stato, che garantisce la fornitura di farmaci la cui qualità, sicurezza ed efficacia dovrebbero essere fuori dubbio. Ma chiediamo tempestività nell’esame dei nostri fascicoli e maggiore comunicazione con i delegati medici.

Di Aïchatou Hamma Wakasso (onep)

Office National d’edition et de la press – 26 Août 2022

Notizie correlate: Lancement De Activités De L’Association Nigérienne Des Délégués Médicaux (ANDM) : Permette Aux Membres D’être Mieux Outillés Dans Le Cadre De L’accomplissement De Leur Mission

Nota: Gli abitanti del Niger sono chiamati “nigerini”, nigeriani sono gli abitanti della Nigeria. Deve il suo nome al fiume Niger che l’attraversa. La capitale è Niamey, a sud-ovest del Paese. Il Niger, stato saheliano per eccellenza, si trova ad affrontare diversi rischi e un’alta frequenza di siccità, carestie, invasioni di locuste, inondazioni, epidemie di colera e meningite, instabilità politica e terrorismo jihadista (Boko Haram) e conflitti violenti. Questi rischi sono a volte concomitanti. Secondo l’annuale Human Development Index delle Nazioni Unite, in Niger ci sono solo tre medici  ogni 100.000 persone. Soltanto il 16% dei 600.000 neonati nigerini che nascono ogni anno, è assistito da un’ostetrica professionale. Il 20% di questi bambini è destinato a morire prima di compiere 5 anni  e metà di queste morti è causata dalla malaria. Stando ai dati Onu, nel marzo 2022 il Niger ospitava circa 250.000 profughi e più di 276.000 sfollati. Il forte aumento demografico (oltre 22 milioni di abitanti) alimenta un intenso flusso di emigrazione verso l’Europa che si aggiunge ai flussi provenienti dall’Africa subsahariana.

Secondo il Ministero degli Esteri italiano, la regione del Sahel è di fatto la frontiera meridionale dell’Europa ed assume per l’Italia valore strategico sotto il profilo della sicurezza, della gestione del fenomeno migratorio e del contrasto ai traffici illeciti favoriti dal fragile tessuto, economico e istituzionale.

 In Niger è attivo “Medici senza Frontiere” e altre organizzazioni umanitarie

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco