Novartis negli USA chiamata in giudizio per comparaggio. L’accusa di un ex rappresentante di vendita

Novartis negli USA chiamata in giudizio per comparaggio. L’accusa di un ex rappresentante di vendita

NEW YORK (Reuters) – La Novartis AG deve affrontare una causa intentata del governo degli Stati Uniti che l’ha accusata di pagare milioni di dollari in tangenti ai medici per prescrivere i propri farmaci, dopo che un giudice federale ha deciso l’invio a giudizio lunedì dopo che il governo aveva fornito prove di un “piano aziendale di tangenti”.

Anche il giudice distrettuale degli Stati Uniti Paul Gardephe a Manhattan ha respinto la richiesta del produttore svizzero di farmaci di arrivare ad un accordo in modo di tenere fuori dal processo le prove governative chiave e ha stabilito che il governo non deve arrivare a un accordo diretto “quid pro quo” sulla responsabilità di Novartis e medici.

La sentenza significa che, a meno che Novartis non  riesca a ribaltare il giudizio, la causa sarà avviata per il processo.

“Siamo delusi dalla decisione di oggi e non vediamo l’ora di presentare il nostro caso al processo”, ha detto il portavoce di Novartis Eric Althoff in una e-mail. “Continuiamo a credere che il governo non abbia prove sufficienti per sostenere le sue affermazioni”.

Il caso è iniziato nel 2011 con la denuncia presentata da Oswald Bilotta, ex rappresentante di vendita di Novartis. Tali azioni legali, portate sotto la protezione del False Claims Act federale, consentono alle persone di citare in giudizio a nome del governo, che può scegliere di intervenire.

Il governo degli Stati Uniti e lo stato di New York sono entrambi intervenuti nel caso nel 2013, accusando Novartis di pagare bustarelle ai medici in modo che prescrivessero molti dei suoi farmaci, tra cui i farmaci per l’ipertensione Lotrel e Valturna e il farmaco antidiabetico Starlix.

Quelle tangenti comprendevano contributi per i medici per eventi educativi “fasulli”, ha detto l’accusa nella causa, con un dottore pagato per parlare dal suo ufficio otto volte. La società ha anche offerto ai medici pasti molto costosi, tra cui una cena da $ 9.750 per tre in un ristorante giapponese, secondo l’accusa.

Nei programmi di assicurazione sanitaria del governo Medicare e Medicaid sono stati fatturati milioni di dollari dal 2002 al 2011 per farmaci prescritti dai medici che hanno preso tangenti, ha detto l’accusa, violando il False Claims Act. Il governo sta chiedendo un risarcimento di tre volte superiore a quanto è stato addebitato per reclami presumibilmente fraudolenti.

Novartis ha precedentemente accolto le accuse degli Stati Uniti secondo cui utilizzava metodi illegali per promuovere i suoi farmaci.

Nel 2010, ha accettato di pagare $ 422 milioni per risolvere varie accuse civili e penali, comprese l’accusa di pagare tangenti ai medici. Novartis si è dichiarato colpevole di aver falsificato un farmaco come parte di tale accordo, ma per il resto non ha ammesso illeciti.

Reuters – April 1, 2019Brendan Pierson


Il periodo al centro delle nuove accuse negli Usa è quello caratterizzato dalla figura di Daniel Vasella (oggi 65enne), che è stato Ceo di Novartis dalla fusione fra Ciba-Geigy e Sandoz nel 1996 al 2010, nonché presidente della direzione dal 1999 al 2013 (fra il 1999 e il 2010 ha quindi ricoperto il doppio mandato). Attivo in gioventù nel comitato direttivo dell’associazione studentesca marxista-leninista «Cercle Grachus», Vasella si era laureato a Berna e nel 1978 aveva sposato la figlia di Marc Moret, manager che tre anni più tardi sarebbe diventato presidente della direzione di Sandoz. Dal 1988 lo stesso Vasella era passato al servizio di Sandoz, arrivando ad essere il numero uno della divisione Pharma. Quale numero uno di Novartis è stato uno dei principali bersagli – se non il principale – delle critiche sui salari dei dirigenti di grandi aziende, che hanno portato il popolo ad approvare nel marzo 2013 l’iniziativa popolare dell’imprenditore sciaffusano Thomas Minder sui salari abusivi. Due settimane prima del voto si era venuto a sapere che Vasella aveva diritto a un compenso di 72 milioni di franchi per una clausola di non concorrenza al termine del suo mandato. Su pressione dell’opinione pubblica l’interessato aveva però rinunciato pochi giorni dopo al denaro. (Corriere del Ticino)

Notizie correlate: Tangenti ai medici per prescrivere i suoi farmaci: gravi accuse per Novartis


Note:

False Claim Act, tre parole che dal lontano 1863 permettono agli Stati Uniti di recuperare un miliardo l’anno frodato alla Pubblica Amministrazione. In America chi denuncia l’illecito verso la pubblica amministrazione viene ricompensato con cifre che vanno dal 15% al 25% dei rimborsi ottenuti dallo Stato. Un importante incentivo, affinché questo avvenga, è che azioni come quelle descritte sopra siano appoggiate e premiate per far sì che molte più persone denuncino, e che la frequenza delle segnalazioni aumenti, senza alcuna paura di doversi scontrare con i cosiddetti “poteri forti”, perché il “potere forte” per eccellenza, lo Stato, è dalla tua parte.

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!