Novartis rivede il bonus sulle vendite alle forze operative esterne

Novartis rivede il bonus sulle vendite alle forze operative esterne

Novartis ha cambiato di nuovo la politica aziendale nel tentativo di superare lo scandalo di Michael Cohen. Questa volta, ha rivisto il modo come viene compensata la sua forza vendita, riducendo il bonus.

La società ha comunicato la modifica lunedì. La retribuzione “variabile” dei dipendenti delle vendite è stata ridotta a un massimo del 35% del loro compenso totale.

Shannon Klinger, consigliere generale del gruppo Novartis, ha suggerito che il cambiamento ha lo scopo di scoraggiare pratiche di vendita non etiche.

“Abbiamo visto una riduzione del 39% nella divisione del numero di casi segnalati rispetto alla condotta etica in questo campo nell’agosto del 2017 rispetto ad agosto 2016”, ha dichiarato Klinger. “Internamente, siamo incoraggiati da questi risultati, ma continueremo a monitorare per assicurarci che le nostre strutture retributive, sottolineo, guidino il comportamento giusto per questa organizzazione”.

Questi dipendenti dovranno inoltre soddisfare una valutazione specifica sulla scala “valori e comportamenti” dell’azienda, due punti o più su una classifica a tre, per ricevere un bonus.

“Questo è il modo in cui abbiamo cercato di introdurre un equilibrio in termini di garanzia nel premiare le prestazioni, scoraggiando questo tipo di comportamento”, ha dichiarato Samir Shah, responsabile investor relations.

Novartis ha lavorato per riparare la sua reputazione e rafforzare la sua divisione etica interna da quando sono emerse relazioni sul contratto della società con Michael Cohen, ex avvocato personale del presidente Donald Trump. Inizialmente, la società ha detto che Cohen non ha lavorato per conto di Novartis, nonostante gli abbia pagato un contratto di 1,2 milioni di dollari all’anno. È stato successivamente rivelato che l’ex CEO Joe Jimenez si è scambiato email con Cohen sulla politica dei prezzi dei farmaci e sui potenziali investimenti.

Da questi rapporti, Novartis ha ristrutturato il suo team esecutivo e le sue politiche etiche. Nel mese di agosto, la società ha nominato la dirigente di Siemens, Klaus Moosmayer, suo nuovo chief ethics, risk e compliance officer, in sostituzione di Klinger. Alla fine dell’anno Moosmayer entrerà in Novartis.

Sulla richiesta dell’investitore, Shah ha anche condiviso i cinque punti del consiglio di amministrazione per trasformare la sua cultura e riparare la fiducia e la reputazione, che include norme etiche e misure di trasparenza e divulgazione.

“Vogliamo rafforzare il messaggio e la qualità al vertice”, ha detto Klinger, intervistato telefinicamente. “Abbiamo chiarito all’organizzazione, ma anche pubblicamente, che non vogliamo mai che Novartis raggiunga obiettivi di performance finanziaria perché abbiamo compromesso i nostri standard etici o i nostri valori. Dobbiamo sempre scegliere i nostri valori. “

MM&M – September 21, 2018 by Alison Kanski

Notizie correlate: Novartis taglia 2mila posti di lavoro in Svizzera

Nota: Shah, che ha affermato che lo standard si applica in tutti i paesi in cui Novartis opera, non sa ancora quanti dipendenti non saranno eleggibili per i bonus nelle loro prossime valutazioni in ottobre o novembre.

Novartis ha dichiarato che possono essere intraprese ulteriori azioni laddove un dipendente non risponda al proprio punteggio etico, oppure potrebbero essere licenziate. (Reuters 17/09/2018)

Notizie correlate: GSK modificherà pratiche commerciali e di marketing a tutela del paziente
GSK Spagna. Stop sponsorizzazioni ai viaggi dei medici a congressi. In precedenza aveva abolito gli incentivi alle vendite per gli ISF

Related posts