GSK Spagna. Stop sponsorizzazioni ai viaggi dei medici a congressi. In precedenza aveva abolito gli incentivi alle vendite per gli ISF

GSK Spagna. Stop sponsorizzazioni ai viaggi dei medici a congressi. In precedenza aveva abolito gli incentivi alle vendite per gli ISF

La controllata spagnola della casa farmaceutica britannica GlaxoSmithKline (GSK) ha deciso di non sostenere più i costi di assistenza ai medici affinché partecipino a convegni scientifici nazionali ed internazionali. È la prima azienda farmaceutica in Spagna che abbandona questa pratica, comune in questo settore, che permette agli operatori sanitari di frequentare forum in cui vengono presentati le ultime novità terapeutiche.

“Lasciamo le sponsorizzazioni ai professionisti della salute per partecipare ai congressi. Invece, contribuiremo economicamente con le istituzioni e le società scientifiche certificate di riconosciuto prestigio in Spagna, in modo che esse stesse organizzino queste attività e mettano a disposizione degli operatori sanitari una serie di borse di studio, in modo che possano scegliere i partecipanti agli eventi”, dice al quotidiano “elEconomista” la presidente e CEO di GSK in Spagna, Cristina Henriquez de Luna.

Con una risoluzione adottata dalla multinazionale britannica che coinvolge tutte le società controllate, GSK ha cessato di invitare personalmente i professionisti spagnoli dall’inizio di quest’anno, “Nel Regno Unito, Francia e Germania hanno attuato questo provvedimento prima di noi. Non siamo stati i più veloci a implementare questa cosa nella nostra multinazionale, ma è la prima a farlo in questo paese. Si tratta di un cambiamento molto importante, data la struttura dei servizi sanitari in Spagna, e abbiamo parlato di questa decisione anche con le amministrazioni regionali”, dice Henriquez de Luna.

Non è per risparmiare

L’azienda chiarisce che non si tratta di un’idea per ridurre i costi, ma è il nuovo modello di trasparenza, e questo fa sì che l’investimento nella formazione continua dei professionisti in Spagna rimarrà lo stessa di prima, ma sarà articolato diversamente. “Continueremo a lavorare con la formazione – dice Henríquez de Luna -, ma lo faremo in modo diverso. “Il desiderio dell’Azienda è che le società mediche del Paese offrano le borse di studio pubblicamente e pubblichino le norme e i criteri di selezione, in modo che ogni medico possa aspirare a questa formazione. “Sarebbe logico che alcuni dati, come ad esempio le pubblicazioni di quei medici o il loro impegno per la formazione, vengano presi in considerazione, anche se ovviamente sarà la società medica che avrà il potere di invitare chi ritiene più meritevole”, ha detto la presidente e amministratore delegato GSK in Spagna.

I cambiamenti nelle politiche di trasparenza della casa farmaceutica multinazionale britannica comprendono anche un altro aspetto nel loro rapporto con i medici.

GSK Spagna infatti ha anche deciso di eliminare qualsiasi tipo di compenso per i professionisti medici, che a nome della società e nel corso di incontri scientifici, discutono di farmaci e vaccini. Così, saranno i professionisti dipendenti di GSK gli unici che si incaricheranno di questo lavoro. In realtà, la società avrà solo un rapporto economico diretto con i medici coinvolti nella loro ricerca o in un gruppo di esperti. “Ė un modo per dimostrare il nostro impegno per la formazione medica indipendente”, ha detto il presidente.

Viernes, 4 de Marzo de 2016 – ElEconomista – ALBERTO VIGARIO

Articoli correlati: GSK quita los incentivos por ventas a toda su red de comerciales en España

“Los genéricos han crecido a costa de las compañías con productos innovadores como GSK”

Italia. GSK modificherà le pratiche commerciali e di marketing per garantire ulteriormente il primato degli interessi del paziente

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!