NewsNote di redazione

Pfizer annuncia l’emissione di 1 mld di $ di obbligazioni per rifinanziare la ricerca sui vaccini

Pfizer Inc. (NYSE: PFE) ha annunciato il 16 agosto il prezzo di un obbligazione “sostenibile” di $ 1.000.000.000 in capitale aggregato di 1,750% di titoli senior con scadenza 2031 (ndr: per gli investitori comporterà un rendimento dello 0,53% oltre quello dei titoli di Stato americani). La chiusura dell’offerta dovrebbe avvenire il 18 agosto 2021, subordinatamente alla soddisfazione dei consueti condizioni di chiusura.

Pfizer intende utilizzare i proventi netti per finanziare o rifinanziare, in tutto o in parte progetti come segue: spese di ricerca e sviluppo relative alla ricerca e sviluppo di vaccini COVID- 9, spese in conto capitale in relazione alla produzione e distribuzione di vaccini COVID-19 e altri progetti di Pfizer o di una delle sue controllate che hanno benefici ambientali e/o sociali.

Citigroup Global Markets Inc., Goldman Sachs & Co. LLC, JP Morgan Securities LLC e Morgan Stanley & Co. LLC agiscono come gestori congiunti di book-running per l’offerta. Questa offerta viene effettuata in base a un effettiva dichiarazione di registrazione e a un prospetto e a un relativo supplemento al prospetto preliminare depositato da Pfizer presso la Securities and Exchange Commission (la “SEC”).

Prima di investire, è necessario leggere il prospetto e il relativo supplemento al prospetto preliminare, la dichiarazione di registrazione e altri documenti che Pfizer ha depositato presso la SEC per informazioni più complete su Pfizer e su questa offerta.

Copie del supplemento al prospetto e dei relativi prospetti per questa offerta possono essere ottenute da Citigroup Global Markets Inc. al numero verde ( 00) -9 46, da Goldman Sachs & Co. LLC, al numero verde ( 66) 47 – 5 6; da JP Morgan Securities LLC, numero verde ( 66) 0 -9 04, e da Morgan Stanley & Co. LLC, numero verde ( 66) 7 – 649.

Il presente comunicato stampa non costituisce un offerta di vendita o la sollecitazione di un offerta di acquisto di titoli, incluse le Obbligazioni. Non vi sarà alcuna vendita dei titoli qui descritti in alcuno stato o altra giurisdizione in cui tale offerta, sollecitazione o vendita sarebbe illegale prima della registrazione o qualificazione ai sensi delle leggi sui titoli di tale stato o altra giurisdizione.

Comunicato Pfizer

Nota:

Da un punto di vista prettamente formale e sostanziale, le obbligazioni sostenibili non sono per nulla diverse dalle obbligazioni ordinarie trattandosi di fatto di prestiti in denaro che dovranno essere rimborsati a scadenza riconoscendo al creditore un tasso d’interesse prestabilito.

Tuttavia gli emittenti tendono oggi ad emettere obbligazioni a sostegno di particolari progetti sociali o economici a tutela dell’ambiente (da qui il vocabolo “sostenibile”) in maniera tale da sensibilizzare l’investitore o colui che presta denaro a rivolgersi a emittenti che spieghino chiaramente che i soldi prestati saranno impiegati a tali scopi. Le obbligazioni sostenibili sono quindi titoli di debito per raccogliere fondi da destinare a particolari progetti di sostenibilità economico-sociale.

N.d.R.Per il 2021 Pfizer aveva messo a bilancio 26 miliardi di dollari di ricavi aggiuntivi, legati alla vendita dei vaccini contro il Covid. Pfizer ha stimato però nell’ultima trimestrale del periodo aprile-giugno un rialzo del 30% dei ricavi dal vaccino per il Covid a 33,5 miliardi di dollari nel 2021, in deciso aumento rispetto ai 26 miliardi attesi solo in maggio. Ciò è dovuto in larga parte al nuovo costo di una dose Pfizer – riporta Financial Times – che è di 19,50 euro, quattro euro in più rispetto ai 15,50 euro della precedente fornitura.

Secondo l’industria farmaceutica americana, il Covid ha sottoposto il settore a sforzi senza precedenti e questo giustificherebbe anche la richiesta di un’esclusione dall’accordo globale sulla tassazione delle multinazionali raggiunto qualche settimane fa. Un accordo al ribasso che comunque, grazie all’introduzione di un’aliquota minima globale del 15%, vanificherebbe i benefici del ricorso ai paradisi fiscali. Tutto ciò nonostante Pfizer/BioNTech e Moderna abbiano ricevuto oltre 8,25 miliardi di finanziamenti pubblici. 

Evidentemente non bastano i fondi pubblici raccolti negli ultimi due anni. Non sono sufficienti i giganteschi profitti già incamerati nel primo anno con i maxi contratti favorevoli stipulati con le autorità degli stati. Non bastano le prospettive ancor più radiose per il prossimo aumento nei prezzi dei vaccini. Né bastano le ancor più luminose prospettive per via della terza dose, quindi dei successi richiami per fronteggiare la valanga di varianti all’orizzonte.

A causa di mancanza di trasparenza, i costi esatti di sviluppo, ricerca e produzione dei vaccini non sono noti. Il costo di produzione è stato stimato da 1,18 a 2,85 dollari a dose

Secondo il ‘Sole 24 Ore’, il bond sostenibile emesso da Pfizer sta andando letteralmente a ruba.

Notizie correlate: Vaccini Covid. Oxfam-Emergency: “Loro prezzo più alto fino a 24 volte il costo di produzione. È speculazione più grave della storia”

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button