News

Pfizer manda via 60 lavoratori ad Ascoli Piceno, nonostante vaccino Covid e fatturato miliardario

La multinazionale statunitense del farmaco – tra le prime società a vendere vaccini contro il Covid – si appresta ad “allontanare” sessanta operai ed impiegati dal sito di Ascoli Piceno, specializzato nella produzione di compresse e capsule di antinfiammatori, farmaci oncologici e del sistema nervoso centrale e di un antivirale impiegato proprio per la cura del coronavirus.

fanpage – 15 dicembre 2020

Per decine di operai e impiegati dello stabilimento Pfizer di Ascoli Piceno il prossimo non sarà un buon Natale. L’azienda farmaceutica statunitense, tra le prime al mondo nel settore della ricerca, produzione e commercializzazione di farmaci, si accinge infatti ad allontanare nelle prossime settimane almeno 17 lavoratori assunti in staff leasing dalle società Ranstad e Adecco, mentre altri 43 potrebbero perdere il posto nel corso del 2021. “Allontanare”, e non “licenziare”, dal momento che formalmente quegli uomini e donne sono dipendenti delle due società di “somministrazione di lavoro” con tanto di contratto a tempo indeterminato.

Nello stabilimento Pfizer di Ascoli Piceno si produce anche un farmaco anti Covid

Nonostante Pfizer sia stata la prima azienda a commercializzare il vaccino contro il Covid-19 in Europa – dove ne sono state già acquistate 200 milioni di dosi al prezzo di 15,50 euro a dose prima ancora dell’approvazione da parte dell’EMA – e nonostante le quotazioni in borsa siano decollate da alcune settimane a questa parte, sembra non esserci più spazio per una sessantina di operai e impiegati del sito produttivo di Ascoli Piceno, specializzato nella produzione di compresse e capsule di antinfiammatori, farmaci oncologici e del sistema nervoso centrale e di un antivirale impiegato proprio nella cura al Covid. Lo stabilimento marchigiano è – per stessa ammissione dell’azienda – “uno dei principali fornitori-chiave per Pfizer”. Molti dei farmaci sviluppati nello stabilimento sono distribuiti in tutto il mondo: negli oltre 164.000 metri quadrati si produce un antitumorale per il cancro al tratto gastrointestinale stromale e per il tumore del rene di rilevanza internazionale. “Il sito di Ascoli Piceno – spiega Pfizer – serve più di 100 mercati. La fetta più grande è quella europea (29%) in cui non va però ricompresa quella italiana (ulteriore 17%). Poi ci sono i mercati Ceer (Central and Eastern Europe Region, 14%), asiatico (20%), americano (4%), Afme (Africa e Medio Oriente, 6%), Usa (9%)”. Insomma, la fabbrica di Ascoli Piceno è considerata di importanza fondamentale per la produzione di farmaci da utilizzare contro malattie che, come tutte le altre, non sono certo scomparse a causa della pandemia di coronavirus.

Pfizer manda a casa 60 lavoratori (ma paga la mensa dei poveri)

Com’è possibile, quindi, che una società che nel 2019 ha fatturato oltre 51 miliardi di dollari si appresti a cessare 60 contratti di lavoro, annunciano nel frattempo la donazione di 150 pasti per i poveri di Ascoli Piceno? Sentita da Fanpage.it, Pfizer ha spiegato che a causa della pandemia vi è stato un calo della produzione di farmaci nello stabilimento marchigiano: “Abbiamo chiarito sin da subito e in maniera trasparente, durante gli incontri con le organizzazioni sindacali, che i vari contratti in staff leasing, essendo correlati a specifiche esigenze e volumi di produzione, avrebbero avuto una durata limitata nel tempo. Nel 2021, a causa di una riduzione di circa il 25% dei volumi produttivi rispetto all’anno precedente, il sito, al momento, non si avvarrà più del contributo di 17 lavoratori in staff leasing (operatori ed impiegati), fino ad arrivare potenzialmente a un massimo di 60 lavoratori in somministrazione. Tale numero dipenderà dall’andamento della domanda di prodotto durante l’anno”.

CGIL: “Siamo pronti a mobilitarci”

Per Daniele Lanni, Responsabile Provinciale del Nidil-Cgil, categoria del sindacato che rappresenta i lavoratori in somministrazione, quella della multinazionale statunitense è una scelta molto preoccupante: “Quindici lavoratori – spiega a Fanpage.it – sono stati già allontanati dal sito produttivo di Ascoli Piceno: hanno tutti un contratto a tempo indeterminato che li lega alle società di somministrazione Ranstad e Adecco, presso le quali prenderanno un’indennità di disponibilità di 800 euro mensili in attesa di essere ricollocati; se ciò non avverrà verranno licenziati”. Lanni aggiunge: “Noi crediamo che ci fossero altre strade; Pfizer per il 2021 ha già previsto diversi pensionamenti e poteva aprire una finestra di assunzioni. Inoltre crediamo non abbia nessun senso considerare ogni stabilimento come un compartimento a se stante per una multinazionale che ha siti produttivi in tutto il mondo”. Insomma, per la CGIL ancora una volta saranno dei lavoratori a pagare, e ciò nonostante gli enormi sforzi fatti durante la pandemia per garantire la produzione del sito ascolano.

Davide Falcioni

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button