Polillo: Spending review, cambieremo norme se su farmaci effetti negativi

Polillo: Spending review, cambieremo norme se su farmaci effetti negativi

La Spending review ha effetti positivi sulla finanza pubblica ma, per quanto riguarda il settore della farmaceutica, occorre valutare gli effetti collaterali delle misure in termini di freno dello sviluppo tecnologico: nel momento in cui dovesse venir meno l’equilibrio, si potrebbe pensare a una rimodulazione delle norme. A dirlo, a margine di un incontro, il sottosegretario all’Economia, Gianfranco Polillo (foto), che spiega: «Con la Spending review abbiamo fatto un provvedimento che sta dando risultati positivi ma, al contempo, stiamo monitorando per vedere se in corso d’opera ci sono aspetti da aggiustare». Per il settore farmaci, continua Polillo, «c’è indubbiamente un effetto positivo sulla finanza pubblica, ma vanno valutati gli effetti collaterali in termini di freno dello sviluppo tecnologico delle imprese farmaceutiche». Quello che dovrà essere attentamente valutato è «se gli effetti positivi in termini di finanza pubblica» sono in grado di «bilanciare gli effetti negativi in termini di blocco della produzione e crescita della disoccupazione». Il sottosegretario apre dunque alla possibilità di un’eventuale modifica delle norme contenute nella Spending review per il comparto del farmaco: «Queste norme non sono le tavole della legge e sono in vigore finché danno risultati positivi. Se dovessimo accertare a un certo punto che il gioco non vale la candela» cioè «se non dovessero dare tali risultati positivi, le norme si cambiano». Potrebbero quindi essere rimodulate «in modo tale da mantenerne l’essenza positiva, senza però gli effetti collaterali sulle aziende».

31 ottobre 2012 – DoctorNews

Slitta incontro con Ministro. Oggi fiducia al Decretone

Dovrebbe tenersi oggi l’incontro del ministro della Salute, Renato Balduzzi, con le sigle sindacali promotrici della manifestazione di sabato, che era stato inizialmente calendarizzato per martedì, anche se, secondo quanto riportano le agenzie, l’appuntamento potrebbe subire variazioni in relazione al voto del decreto Sanità previsto sempre oggi al Senato (con la fiducia). Intanto dal Ministro arriva la notizia che «è intenzione comune dei gruppi parlamentari e del Governo di ! rimettere all’ordine del giorno il ddl 2935, cosiddetto Omnibus, e di farlo arrivare il più rapidamente possibile a una conclusione». Per altro Balduzzi ha sottolineato che «l’approfondimento di alcuni aspetti non inseriti nel decreto Sanità potrebbero essere oggetto di un diverso veicolo» che potrebbe essere «l’Omnibus, le cui linee essenziali abbiamo già cominciato a delineare insieme». Nelle prossime settimane, continua, il dispositivo potrebbe essere «oggetto di qualche passaggio procedurale in Senato».

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!