Archivio Storico

RASSEGNA STAMPA FARMACEUTICA dal 5 all’8 ottobre di AboutPharma

"Recordati si prepara allo scatto"

 

 

(Bloomberg Borsa & Finanza: pag. 43, la Repubblica Affari & Finanza: pag. 14 – 8 ottobre 2007)

 

 

Con l’acquisizione di Orphan Europe, Recordati si apre al mercato americano. L’acquisizione è strategicamente importante perchè consentirà di accelerare la crescita pur mantenendo inalterato il buon livello di profittabilità. Specializzata nello sviluppo di farmaci per malattie rare, Orphan Europe possiede un fatturato geograficamente ben distribuito e una radicata presenza negli USA, dove Recordati non è attiva. Questo rappresenterà l’opportunità per il lancio di prodotti propri in un’area attualmente non coperta. Per il titolo dell’azienda italiana, oggi ai suoi massimi storici intorno a quota 6,80 euro, gli analisti sostengono un’ipotesi rialzista, con un target di 8 euro.

 

 

http://www.aboutpharma.it/notizia.asp?id=14493

 

 

 

Shire cede attività per 151 mln di euro

 

 

(Les Echos online – 8 ottobre 2007)

 

 

Shire ha annunciato di avere ceduto un portfoglio di prodotti non strategici, soprattutto nel settore della dermatologia, alla società spagnola Almirall. L’operazione ha un valore di 151 mln di euro.

 

 

http://www.aboutpharma.it/notizia.asp?id=14491

 

 

 

"Niente brividi e molta sicurezza con Nestlé, Novartis e Roche"

 

 

(CorrierEconomia: pag. 19 – 8 ottobre 2007)

 

 

Il mercato elvetico viene collocato dai gestori al 4° posto tra le grandi borse europee. Tra i punti di forza c’è la massiccia presenza di società che appartengono ai settori difensivi per eccellenza: i farmaceutici (Novartis e Roche) e gli alimentari (Nestlé). Le fortune degli investitori si giocano proprio su Roche e Novartis, la cui capitalizzazione supera il 25% del listino zurighese.

 

 

http://www.aboutpharma.it/notizia.asp?id=14501

 

 

 

"Primo sì alla semplificazione"

 

 

(Il Sole 24 Ore: pag. 33 – 8 ottobre 2007)

 

 

Il Ddl per la ‘semplificazione degli adempimenti per la tutela della Salute’ è stato approvato mercoledì 3 ottobre dalla Commissione Igiene e Sanità del Senato. Molte le conseguenze, tra cui: abolizione di circa 5 milioni di certificati, dalla ‘sana e robusta costituzione’ a quello vaccinale necessario per l’iscrizione al 1° anno della scuola primaria; garanzia di corsia veloce per i farmaci contro il dolore ‘severo’, per i quali basterà una ricetta ordinaria del SSN, e non più quella

Articoli correlati

Back to top button