Archivio Storico

SALUTE, L’INDUSTRIA DEI RECORD


Oltre 1,5 milioni di addetti, vale il 6,5% del Prodotto interno lordo TRAINO PER L’ECONOMIA Su mille euro di produzione l’industria ne investe oltre 30 in ricerca contro una media del manifatturiero che sfiora appena i 6 euro

Roberto Turno
ROMA
C’è una stella di prima grandezza che pochi conoscono nel firmamento dell’economia italiana: è la filiera della salute, e ha numeri da vera star. Realizza il 6,5% dell’intera produzione nazionale e vanta un "prodotto per occupato" che supera del 6,4% la media nazionale. Con un milione e 513mila addetti è la quarta forza per occupazione. Ha un valore aggiunto a prezzi base che vale il 6,7% del totale nel Paese e un valore aggiunto a prezzi costanti che dal 2004 al 2006 è cresciuto del 6,4% contro la media italiana dell’1,9. Il valore aggiunto per addetto è del 10% sopra il dato medio nazionale. E se non bastasse, tra valore aggiunto diretto e indotto produce una ricchezza pari al 12,5% del totale Italia, contro l’11,1% del 2004. Una potenza in espansione e al top: è tra il terzo e il quarto posto nella graduatoria delle imprese.
La Sanità d’Italia la giudichiamo, a torto o a ragione, per i suoi servizi, quando ci sono, per i ritardi nelle prestazioni, per i suoi costi e per i deficit di un pugno di sei Regioni soprattutto, in questi giorni anche per la lottizzazione dei partiti. Ma, dietro il muro della diffidenza e prima dei disservizi, c’è una realtà produttiva vitale e di primaria importanza. Un universo in crescita che in altri Paesi, dove si investe senza sprechi, dà alti profitti e diventa un business da export. E, prima di tutto, crea salute. Dalla produzione al commercio di farmaci e dispositivi medici, dalla ricerca scientifica alle prestazioni ospedaliere e ambulatoriali, dagli apparecchi ortopedici ai servizi termali, dai laboratori alle protesi dentarie. Una realtà spesso qualificata e hi tech, con professionalità ed eccellenze anche diffuse e di tutto rispetto.
È questa la "filiera della Salute" che emerge dal secondo rapporto (2004-2006) di Confindustria, curato dal professor Nicola Quirino, docente di finanza pubblica alla Luiss di Roma. Un universo, la filiera della salute italiana, che a dispetto del l’estrema povertà degli investimenti in ricerca, presenta un altro invidiabile primato: nel rapporto R&S-produzione ha il valore più elevato tra tutti i settori della nostra economia. Tanto che, si stima, su mille euro di produzione l’industria della salute spende (investe) per la ricerca oltre 30 euro. La media dell’industria manifatturiera sfiora appena i 6 euro.
Ma sempre in tema di raffronti, lo studio di Confindustria elenca altri primati, che poi spiegano quanto, e come, le imprese della salute rappresentino un potenziale volano di sviluppo per la nostra economia. Hanno più occupati dei trasporti e delle comunicazioni, di alberghi e ristoranti e dell’agricoltura, del l’industria metallurgica e di banche e assicurazioni, precedute soltanto da attività immobiliari e servizi alle imprese, commercio, costruzioni e istruzione. Occupati, per di più, che all’86% sono lavoratori dipendenti. Lo stesso valore aggiunto a prezzi costanti realizzato dalla filiera dal 2004 al 2006 è cresciuto del 4,5%, contro l’1,9% della media nazionale: nell’industria in senso stretto è aumentato dello 0,6%, nelle costruzioni del 2,4%, nel commercio del 4,4%, per credito e assicurazioni del 3,4% e negli altri servizi del 2,5.
Grandi numeri e un potenziale formidabile sviluppo per il futuro. Che però, è l’altra faccia della medaglia della ricerca, deve misurarsi con le condizioni strutturali e di sistema del nostro Servizio sanitario nazionale. In Italia si spende più per le prestazioni dirette (la spesa privata rallen

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco