Archivio Storico

Sanità: Rapporto, nel 2011 573 segnalazioni difetti qualità farmaci

Versione integrale della relazione (pdf, 2 MB) : http://www.rssp.salute.gov.it/rssp2011/documenti/RSSP_2011.pdf  (Farmaci, generici: pag.: 97 e seg. Cap. 6)

 Sintesi (pdf, 357 KB) : http://www.rssp.salute.gov.it/rssp2011/documenti/Sintesi_della_relazione.pdf

Sanità: Rapporto, nel 2011 573 segnalazioni difetti qualità farmaci

11 Dicembre 2012 – 12:04

(ASCA) – Roma, 11 dic – Nel corso del 2011 sono pervenute all’Aifa (l’Agenzia Italiana del Farmaco) 573 segnalazioni di difetti di qualita’ in medicinali in commercio (60 in piu’ rispetto al 2010). Sono stati disposti 38 campionamenti ed emessi 3 allerta rapidi, mentre sono stati 73 i provvedimenti di ritiro di lotti, 23 i divieti d’uso, 3 provvedimenti di sequestro, 5 determinazioni di divieto di vendita.

Nell’ambito del Programma annuale di controllo dei medicinali (Pca) per l’anno 2011 sono stati disposti 141 campionamenti.

Per il monitoraggio della sicurezza dei vaccini e degli emoderivati, l’Aifa nel 2011 ha completato 1.808 procedure di rilascio lotti, delle quali 402 sono state trattate con procedura d’urgenza. E’ quanto emerge dalla relazione sullo stato sanitario del Paese 2011, presentato dal ministero della Salute.

Nel corso del 2011, nella Rete nazionale di farmacovigilanza (Rnf) sono state registrate 23.742 segnalazioni di sospette reazioni avverse a farmaci, con un aumento dell’8% rispetto al 2010. Nel 2011, attraverso i fondi stanziati dallo Stato per le Regioni, sono stati valutati e approvati 146 progetti regionali e multiregionali, ritenuti in grado di aumentare la conoscenza su specifiche categorie di medicinali e sul loro profilo di sicurezza. I medicinali inclusi nell’elenco di monitoraggio intensivo sono 192. L’Italia e’ considerata uno dei paesi di riferimento nella lotta alla contraffazione farmaceutica.

Nel 2011 si sono raggiunti obiettivi importanti in materia: sviluppo di un quadro normativo adeguato e coerente rispetto allo scenario attuale; rafforzamento delle collaborazioni intersettoriali gia’ in essere; estensione dei controlli a tipologie di prodotto ”borderline” come gli integratori alimentari, intensificazione delle attivita’ formative rivolte agli operatori del settore e di quelle informative dirette al grande pubblico.

Le autorizzazioni alla produzione e i relativi ce

Articoli correlati

Back to top button