Archivio Storico

Spesa, Rge: nel 2011 in flessione farmaceutica e personale

La spesa complessiva del Ssn ammonta, nel 2011, a 112,889 miliardi di euro, con un aumento rispetto all’anno precedente dell’1,4% (contro una crescita dell’1,1% nel 2010 e del 2,8% nel 2009). In contrazione i costi per la farmaceutica e quelli per il personale, mentre le altre voci presentano un incremento, sia pure in molti casi in frenata rispetto al tasso dell’anno prima. Questi i risultati emersi dalla Relazione sulla situazione economica del Paese 2011, presentata a metà giugno al parlamento e recente! mente pubblicata sul sito del ministero dell’Economia. Secondo quanto emerge, la spesa media pro capite, a livello nazionale, è di 1.862 euro, mentre per quanto riguarda le regioni, il valore medio è di 1.851, con un minimo di 1.704 euro della Calabria e un massimo di oltre 2.000 della provincia autonoma di Trento e di Bolzano, Valle d’Aosta, Friuli, Liguria e Molise. Per quanto riguarda il personale, la spesa è stata di 36,149 miliardi di euro, con un decremento dell’1,4% rispetto all’anno precedente (mentre nel 2010 si era registrato un incremento dell’1,3%). Un dato che sconta le misure di contenimento previste dalle ultime manovre economiche. Da notare che la spesa del ruolo sanitario continua ad assorbire circa l’80% della spesa complessiva del personale. La voce beni e servizi ammonta a 43,095 miliardi di euro e presenta un incremento del 3% rispetto al 2010 (mentre nel 2010, sul 2009, l’aumento era stato dello 0.8%). In particolare, a crescere so! no i servizi non sanitari appaltati, tra cui lavanderia, pulizia, mensa, riscaldamento, con un incremento del 4,2%, minore rispetto al 4,6% dell’anno prima, e le spese di gestione (amministrative, legali, telefoniche), che crescono del 6,3%. Il costo della medicina generale convenzionata ammonta a 6,625 miliardi di euro, con un aumento dell’1,3% (contro l’incremento del 2010 del 2,8%, anno in cui si era arrivati alla chiusura dell’accordo per il rinnovo della convenzione). Mentre per la farmaceutica convenzionata il livello di spesa dell’aggregato è pari a 9,930 miliardi di euro, con una diminuzione del 9% rispetto all’anno prima (mentre nel 2010 la flessione era stata più contenuta, pari allo 0,8%). Risultato, questo, ottenuto attraverso la distribuzione diretta, l’extrasconto sui farmacisti, il pay-back e l’allineamento del prezzo d i riferimento delle liste di trasparenza Aifa al prezzo dei farmaci a brevetto scaduto vigente in altri paesi europei, oltre ovviamente all’aumento della compartecipazione dei cittadini. Altra voce ! è l’ospedaliera accreditata, che pesa per 8,891 miliardi di euro, con un incremento dello 0,5%, in linea con lo 0,3% dell’anno prima, e quella della specialistica ambulatoriale pari a 4,6574 miliardi di euro, con un incremento inferiore, sia pure elevato (3,3%).

26 giugno 2012 – DoctorNews

Crolla la spesa convenzionata nel 2011

Relazione del ministero dell’Economia, -9% rispetto al 2010

Articoli correlati

Back to top button