Takeda e Lilly vincono una causa che riduce del 99,6% gli indennizzi per i danni provocati dall’antidiabetico Actos. Dovranno pagare “solo” 36,8 milioni $

Takeda e Lilly vincono una causa che riduce del 99,6% gli indennizzi per i danni provocati dall’antidiabetico Actos. Dovranno pagare “solo” 36,8 milioni $

La sanzione deve essere ridotta ad un totale di 36,8 milioni dollari. La giuria ha comunque riconosciuto che le aziende farmaceutiche hanno intenzionalmente nascosto i rischi del farmaco per la salute

Con Jef Feeley  28 Ottobre 2014 – Bloomberg

Takeda Pharmaceutical Co. (4502) e Eli Lilly & Co. (LLY) hanno vinto la causa che riduce di un 99 per cento la sanzione punitiva di $ 9 miliardi alle case farmaceutiche che nascosero i rischi di cancro della loro medicina per il diabete Actos.

I giurati hanno correttamente trovato che i funzionari di Osaka, in Giappone, dove Takeda ha sede, e di Indianapolis, dove ha sede Lilly, hanno intenzionalmente nascosto i rischi del farmaco per la salute e il giudice distrettuale Rebecca Doherty a Lafayette, Louisiana, ha dichiarato che devono pagare i danni. Tuttavia, ha detto, che la decisione della giuria di ordinare a Takeda di pagare 6.000 milioni dollari e Lilly 3.000 milioni dollari è stata eccessivo e deve essere ridotta ad un totale di 36,8 milioni dollari.

Doherty ha detto che la riduzione porta la sanzione “all’importo massimo che una giuria avrebbe potuto correttamente assegnare” in base al diritto attuale degli Stati Uniti. Il giudice ha respinto la richiesta di Takeda e di Lilly per un nuovo processo.

Le azioni Takeda sono salite del 2,1 per cento a ¥ 4.674 nella borsa di Tokyo a partire dalle 09:11 ora locale di oggi. Le azioni Lilly sono aumentate dello 0,2 per cento a 66,20 dollari nel mercato composito della Borsa di New York il 27 ottobre.

Takeda si trova di fronte a più di 8.000 americani che la accusano del cattivo uso di Actos.

Farà appello

Funzionari di Takeda hanno detto che l’oltre il 99 per cento del taglio della sanzione non è abbastanza e hanno in programma di fare appello.

Kenneth Greisman, un portavoce statunitense per Takeda, ha detto in una e-mail: “Riteniamo che la sostanziale riduzione del risarcimento sia un passo nella giusta direzione, ma crediamo che un risarcimento danni di qualsiasi importo non è giustificato sulla base delle prove presentate negli studi“.

Mike Harrington, consigliere generale di Lilly, ha aggiunto in un comunicato inviato tramite posta elettronica: “Anche se abbiamo empatia per i ricorrenti, crediamo che le loro affermazioni non siano sostenute da prove”. “Continueremo a lavorare con forza per ribaltare il verdetto.”

Le vendite di Actos hanno raggiunto un picco nel marzo 2011 di 4,5 miliardi di dollari e rappresentano il 27 per cento delle entrate di Takeda, al momento, secondo i dati compilati da Bloomberg. Actos ha generato più di 16 miliardi di dollari di vendite dalla sua uscita del 1999, in base alla documentazione processuale. Takeda deve ora affrontare la concorrenza del generico di Ranbaxy Laboratories Ltd. (RBXY)

Lilly è stato il partner US di Takeda nella vendita e commercializzazione del farmaco nell’arco di sette anni, a partire dal 1999. Tale partnership è terminata nel 2006, con Lilly ha però conservato i diritti di vendere Actos in alcune parti dell’Asia e in Europa così come in Canada e in Messico .

Richard Arsenault, uno degli avvocati del querelante Terrence Allen nella causa della Louisiana, si è detto soddisfatto che il giudice abbia respinto una richiesta di Takeda e Lilly per un nuovo processo e ha approvato la valutazione della giuria che le società meritavano di pagare un risarcimento.

‘Prove convincenti’

Ha detto Arsenault in una e-mail che “La giuria ha ritenuto, su prove chiare e convincenti, che Takeda e Lilly si sono impegnati in un grave comportamento riprovevole”. Arsenault è il principale avvocato per più di 3.000 parti civili in cui sono state accertati i casi di Actos, prima da Doherty nello scambio di informazioni preliminari nel tribunale federale.

Secondo la sentenza di Doherty, Takeda è responsabile del pagamento 27,6 milioni dollari di risarcimenti e Lilly deve pagare 9,2 milioni dollari. La giuria ha inoltre assegnato ad Allen un risarcimento danni di $ 1.5 milioni.

Allen, un ex manager di un negozio di ferramenta di Attica, New York, ha affermato che ha sviluppato il cancro alla vescica dopo l’assunzione di Actos per più di cinque anni a partire dal 2006.

Preoccupazioni ignorate

I suoi avvocati hanno sostenuto che i dirigenti di Takeda hanno ignorato o minimizzato le preoccupazioni circa il potenziale cancerogeno del farmaco e hanno indotto in errore le autorità di regolamentazione in merito ai rischi per proteggere miliardi di dollari di vendite.

Gli avvocati di Allen si sono presentati ai giurati con “ampie prove” su Takeda e Lilly di cattiva gestione del farmaco e il giudice ha constatato che la giuria correttamente si è pronunciata con un verdetto destinato a scoraggiare in futuro la cattiva condotta.

Doherty ha detto: eppure, i risarcimenti punitivi del verdetto della giuria hanno violato le protezioni costituzionali contro risarcimenti eccessivi valutando per Takeda una pena di più di 5.400 volte il risarcimento danni compensativo e per Lilly una punizione che era più di 8.100 volte il danno effettivo di Allen.

I giurati del tribunale statale in West Virginia hanno accolto la prova che Takeda nascose i rischi per la salute di Actos in un processo che è iniziato il 20 ottobre. All’inizio di questo mese, una giuria del tribunale statale di Philadelphia ha ordinato a Takeda di pagare 2 milioni di dollari per i danni di una donna che ha accusato la medicina per il suo cancro alla vescica.

La causa della Louisiana è: Allen v. Takeda Pharmaceuticals North America Inc., 12-cv-00064, US District Court, Distretto occidentale della Louisiana (Lafayette).

Per contattare il reporter su questa storia: Jef Feeley a Wilmington, Delaware ajfeeley@bloomberg.net

Per contattare la redazione responsabile di questa storia: Michael Hytha a mhytha@bloomberg.netJoe Schneider, Peter Blumberg

 

Notizia correlata: Il farmaco anti-diabete Actos provoca il cancro: maximulta di 9 miliardi di dollari per le aziende produttrici

Senato della Repubblica.  Al Ministro della salute Legislatura 17 Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02357 Pubblicato il 18 giugno 2014, nella seduta n. 265 di RIZZOTTI , ALBERTI CASELLATI

CEO di Takeda è Yasuchika Hasegawa, 68 anni.

 

 

 

CEO di Lilly è John C. Lechleiter, 60 anni, nell’anno fiscale 2013 ha percepito un compenso di $11.217.000

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!