Truffa sui farmaci ai danni di Regione Lombardia, indagato l’ex Ad del San Raffaele

Truffa sui farmaci ai danni di Regione Lombardia, indagato l’ex Ad del San Raffaele

C’è anche Nicola Bedin, ex amministratore delegato pro tempore dell’ospedale San Raffaele e attuale presidente di Snam, fra gli 11 indagati per le truffe

La guardia di finanza di Milano ha portato alla luce una maxi truffa sui farmaci alla regione Lombardia per circa 10 milioni di euro. La lunga indagine è terminata con l’iscrizione nel registro degli indagati di undici persone

fanpage – 30 giugno 2020

Una truffa sui farmaci alla regione Lombardia per oltre 10 milioni di euro è stata scoperta dalla guardia di finanza di Milano al culmine di un’approfondita indagine coordinata dalla locale procura: 11 le persone indagate tra le quali l’attuale presidente di Snam Nicola Bedin, allora Ad pro-tempore dell’ospedale San Raffaele controllato dal gruppo San Donato. Gli altri indagati sono amministratori e responsabili commerciali di 8 case farmaceutiche, un ex capo del’ufficio acquisti e un ex responsabile dei servizi farmacia del gruppo.

Nell’avviso di conclusione indagini firmato dal pm Paolo Storari e notificato dalla gdf in queste ore sono cinque le case farmaceutiche i cui amministratori e responsabili commerciali sono indagati: si tratta di 8 manager di cui 4 all’epoca dei fatti erano dipendenti di Mylan spa, uno di Abbvie, uno di Novartis, uno di Eli Lilly Italia e l’ultimo di Bayer spa. Gli altri nomi sono quello di Massimo Stefanato, ai tempi rappresentante dell’ufficio acquisti del San Raffaele e Mario Giacomo Cavallazzi allora responsabile dei servizi di farmacia di diversi ospedali del Gruppo San Donato che controlla anche l’ospedale che fu fondato da Don Verzè.

Stando a quanto emerso finora dalle indagini le case farmaceutiche avrebbero venduto a 9 ospedali del Gruppo San Donato farmaci che lo stesso Gruppo, che lo scorso 3 dicembre ha risarcito i 10 milioni al Pirellone, si sarebbe fatto rimborsare dalla Regione a prezzo pieno omettendo di indicare gli sconti praticati sul prezzo (dal 2 al 20 per cento) in seguito ad accordi informali legati al raggiungimento di determinati volumi di acquisti. Per la vicenda, sempre a dicembre, Stefanato e Cavallazzi finirono ai domiciliari


Il Corriere della Sera riporta i seguenti nominativi:

Tra i nomi figurano anche quello di Giovanni Carubi, ex responsabile commerciale della Mylan Spa e Alessandro Correnti; indagata anche Cinzia Falasco Volpin, amministratore delegato pro tempore della società Mylan e Silvia Marangoni, con l’incarico di responsabile commerciale della farmaceutica Novartis. Per la Bayer è stata invece indagata la responsabile commerciale Lucia Francesca Garza; inoltre Luigi Rizzuto, con lo stesso incarico per la Abbvie e Alberto Albanese, della Eli-Lilly Italia. Secondo l’ipotesi investigativa, i farmaci venivano acquistati al prezzo di mercato, ma nelle note di credito il costo effettivo dichiarato era inferiore; la differenza era il provente della truffa per cui i soggetti – secondo gli investigatori – erano d’accordo, mentre il costo era scaricato sulle casse della Regione.


Nota: Fedaiisf non è responsabile di danni diretti o indiretti risultanti da scritti, opinioni, errori, omissioni o alterazioni dei testi riportati e/o di autori diversi dalla stessa Fedaiisf

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!