News

UCB. Da marzo il muovo CEO: Jean-Christophe Tellier

UCB segue la moda di ridurre il pharma, Lascia il businnes dei farmaci generici in USA per $ 1.53B

7 novembre 2014 | By Emily Wasserman | BioNetwork

Con la mania di ridurre il pharma, la belga UCB è sempre in azione, vendendo la sua unità di farmaci generici USA per 1,53 miliardi dollari.

UCB cederà la Kremers Urban Pharmaceuticals, la filiale statunitense di UCB di Princeton, NJ ad una società di private equity di Advent International e Avista Capital Partners, e prevede di utilizzare i proventi per ridurre il suo carico debitorio e rinforzare la sua pipeline di prodotti, ha detto la società in un comunicato. Il Consiglio di Amministrazione di UCB  ha approvato all’unanimità la vendita, e l’affare dovrebbe chiudersi entro il primo trimestre del 2015.

UCB CEO Roch DoliveuxLa vendita dà anche a UCB l’opportunità di concentrarsi sui propri core business di neurologia e immunologia, ha detto in una dichiarazione l’attuale amministratore delegato Roch Doliveux. Il farmaco per epilessia dell’azienda, Keppra, è andato fuori brevetto nel 2011, e da allora UCB ha costruito la sua pipeline di prodotti per colmare il gap di vendite. I prodotti più venduti sono Cimzia, un trattamento anti-infiammatorio per la malattia di Crohn e l’artrite reumatoide, e Vimpat, approvato come terapia aggiuntiva per crisi parziali in pazienti adulti con epilessia, e UCB aspetta che le vendite di picco per almeno € 1.200.000.000 (1,6 miliardi dollari) per entrambi i farmaci.

Il CEO-Eletto di UCB Jean-Christophe Tellier  (foto a destra) ha detto in un comunicato: “Il nostro core business è in crescita e UCB ha un incremento prima del previsto e la recente fase di realizzazione di linee di produzione ora ci permettono di concentrarci ancora di più sulla fornitura di soluzioni innovative per i pazienti che vivono con malattie gravi,”. La società nel mese di febbraio ha nominato Tellier (biografia) capo dei marchi della sua unità biopharma, da marzo 2015, e sostituirà l’attuale CEO Doliveux.

Tuttavia, alcuni analisti stanno mettendo in discussione ciò che l’accordo potrebbe significare per la linea di fondo di UCB. L’unità Kremers della società è più redditizia di UCB nel suo complesso, e non è chiaro di come la società abbia centrato i suoi obiettivi sul margine di profitto, senza di esso,  ha scritto in una nota agli investitori visti da Bloomberg un analista di KBC Securities.

Ma UCB è ben lungi dall’essere l’unica azienda in cerca di dismettere alcune attività non core. Alcuni pesi massimi del Pharma quali Merck ( MRK $ ), GlaxoSmithKline ( GSK $ ) e Sanofi ( $ SNY ) stanno inoltre cercando di dimagrire il loro portafoglio e fare spazio per nuovi prodotti. Nel mese di settembre, AstraZeneca ( $ AZN ) ha ceduto 18 farmaci non commercializzati, vendendo i prodotti generici al  produttore specializzato IGI Laboratories per $ 500,000 in anticipo, e oltre 6 milioni di dollari a tappe e fino a $ 3 milioni di royalties. Nel mese di ottobre, i piani di Sanofi hanno previsto di scorporare il portafoglio dei suoi vecchi farmaci in fase di stallo per 8 miliardi dollari, in quanto la gestione dei dirigenti, non riuscirono ad accordarsi su come andare avanti con la vendita.

Novartis ( $ NVS ) nel mese di aprile ha effettuato uno dei più grandi cambi del settore, ottenendo il portafoglio cancro di GSK in cambio della sua unità vaccini, e vendendo la propria attività sulla salute degli animali a Eli Lilly ( $ LLY ) e formando joint venture con Glaxo sui prodotti sanitari di consumo, il tutto in uno sforzo per concentrarsi su farmaci di marca, prodotti per la cura degli occhi e generici.

– Documento di UCB rilascio (PDF)
– Leggi di più su Bloomberg

Notizie correlate: UCB vende il business dei generici in Usa per 1,53 miliardi

UCB è attualmente vicino al suo massimo storico dopo un anno di apprezzamento del 30%

La acción de UCB comienza a estabilizarse tras dos meses con tendencia bajista

Stock price chart for UCB SA (UCB)UCB azionario

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button