USA. Scienzati GSK accusati di aver rubato segreti della ricerca di farmaci sul cancro

USA. Scienzati GSK accusati di aver rubato segreti della ricerca di farmaci sul cancro

Due scienziati della GlaxoSmithKline sono tra le cinque persone indagate dai procuratori federali per aver rubato dei segreti della ricerca sul cancro potenzialmente del valore di centinaia di milioni di dollari per venderle in Cina.

Secondo l’accusa i dati confidenziali della ricerca sono stati scaricati dai computer GSK e inviati all’e-mail personale di uno degli scienziati e trasmessi ad altri nella presunta cospirazione.

È stato affermato che tre degli imputati hanno costituito una società in Cina con l’intenzione di vendere le informazioni rubate. Se provato, il caso potrebbe portare a preoccupazioni per il furto della proprietà intellettuale da parte delle imprese cinesi ed evidenziare l’industria farmaceutica come uno degli obiettivi principali degli attacchi.

Gli scienziati accusati da GSK, Yu Xue, 45 anni, della Pennsylvania, e Lucy Xi, 38, della California, hanno lavorato presso lo stabilimento di ricerca della società inglese a Upper Merion, Pennsylvania.

Nell’atto di accusa presentata dall’ufficio del procuratore di Philadelphia, la signora Xue è stata descritta come “una dei migliori biochimici delle proteine ​​nel mondo” con possibilità di accesso alla proprietà intellettuale ad alto livello di valore di GSK.

Lei avrebbe fondato una società cinese chiamato Renopharma con due degli altri imputati, Tao Li, 42 anni, e Yan Mei, 36, entrambi di Nanjing, in Cina, “presumibilmente per commercializzare e vendere le informazioni segrete rubate”.

Il quinto presunto cospiratore è la sorella della signora Xue, Tian Xue, 45 anni, del North Carolina. L’accusa ha sostenuto che lei e altri membri della famiglia avrebbero percepito i proventi del presunto furto, nel tentativo di nascondere il crimine.

“L’incriminazione comprende accuse di cospirazione al fine rubare segreti commerciali, cospirazione per compiere la frode, cospirazione per commettere il riciclaggio di denaro [e] furto di segreti commerciali”, ha detto l’ufficio del procuratore.

“Gli imputati erano impegnati in una associazione a delinquere per rubare segreti commerciali relativi ai dati della ricerca GSK, alle procedure e ai processi di fabbricazione di prodotti biofarmaceutici.”

I dati erano focalizzati su farmaci “per curare il cancro o altre malattie gravi” ed erano “potenzialmente del valore di centinaia di milioni di dollari o più”.

GSK ha detto che sta cooperando con le autorità statunitensi, ma è fiduciosa che la violazione non avrà un impatto significativo sul proprio business.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha detto che tutti gli imputati affronteranno pene detentive e multe se condannati.

Secondo i resoconti dei media, la signora Xue ha assunto Pietro Zeidenberg, un avvocato Arent Fox, peri difenderla. E ‘stato citato il Philadelphia Inquirer che afferma: “Xue è stato dichiarata non colpevole e queste accuse possono essere contestate.

Ė uno dei tanti casi contro gli americani di origine cinesi degli ultimi anni, alcuni dei quali hanno dimostrato di essere di gran lunga sovrastimati”.

Il signor Zeidenberg che rappresentava Xiaoxing Xi, un ricercatore di semiconduttori presso Temple University di Philadelphia riferisce che è stato licenziato l’anno scorso con l’accusa di vendere segreti commerciali a organizzazioni cinesi.

La farmaceutica è una delle aree industriali prese di mira da Pechino per la crescita. Le aziende farmaceutiche cinesi sono cresciute fortemente, ma soprattutto attraverso la vendita di farmaci generici e il paese ha finora faticato a lasciare un segno nella ricerca di nuovi farmaci.

January 21, 2016 – Andrew Ward, Pharmaceuticals Correspondent – Financial Times

Notizie correlate: Cina: maxi multa alla Glaxo Smith Kline per corruzione

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!