News

Vaccino CureVac efficace al 47%. Perché ha fatto splash

L’azienda ha attribuito i risultati insoddisfacenti ai ceppi del virus che circolano in 10 paesi dell’America Latina e dell’Europa, dove sono state effettuate le prove.

l vaccino mRNA anti Covid di CureVac fallisce il test, efficace solo al 47%. L’articolo del Financial Times

 

di Redazione Start Magazine – 18 giugno 2021

La società farmaceutica tedesca CureVac ha rivelato risultati deludenti dalle prove del suo vaccino mRNA Covid-19, smorzando le speranze che il vaccino potrebbe aiutare a soddisfare il bisogno globale di inoculazioni efficaci.

CureVac mercoledì ha detto che il suo vaccino è stato efficace al 47 per cento nel proteggere contro il coronavirus in un’analisi intermedia delle sue prove in fase avanzata, rendendolo uno dei vaccini meno efficaci contro il coronavirus testati – scrive il Ft.

Questa settimana la casa farmaceutica statunitense Novavax ha detto che il suo vaccino a base di proteine è efficace al 90 per cento nel combattere il coronavirus, mentre i vaccini Moderna e BioNTech/Pfizer sono efficaci al 95 per cento nell’affrontare il ceppo originale del virus.

Le azioni di CureVac, quotate al Nasdaq, sono crollate del 50 per cento nel dopo-mercato di New York mercoledì.

L’azienda ha attribuito i risultati insoddisfacenti ai ceppi del virus che circolano in 10 paesi dell’America Latina e dell’Europa, dove sono state effettuate le prove.

Nel suo studio di 40.000 persone, CureVac ha detto che 13 varianti sono state trovate nei volontari, con più della metà dei casi di coronavirus causati da varianti di preoccupazione.

Tuttavia, i dati provenienti dal Regno Unito questa settimana hanno mostrato che il vaccino a due dosi mRNA, o acido ribonucleico messaggero, di BioNTech/Pfizer è stato efficace al 96% nel prevenire l’ospedalizzazione delle persone infettate dalla variante Delta, che è stata individuata per la prima volta in India.

Questa settimana, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno aggiunto il ceppo Delta alla sua lista di varianti preoccupanti.

CureVac ha collaborato con il conglomerato tedesco Bayer per produrre il suo vaccino contro il coronavirus e ha un accordo con la società farmaceutica britannica GlaxoSmithKline per creare una prossima generazione di vaccini.

I deboli risultati delle prove hanno messo in dubbio la fattibilità di questi progetti. CureVac mira a produrre 300 milioni di dosi del suo vaccino quest’anno e 1 miliardo nel 2022.

Le azioni dell’azienda sono aumentate dalla sua offerta pubblica iniziale nell’agosto 2020, poiché gli investitori sono corsi a sostenere il produttore di vaccini. CureVac aveva una posizione di cassa di 1,3 miliardi di euro alla fine dello scorso anno.

“Mentre speravamo in un risultato intermedio più forte, riconosciamo che dimostrare un’elevata efficacia in questa ampia diversità di varianti senza precedenti è una sfida”, ha detto Franz-Werner Haas, amministratore delegato di CureVac. Ha aggiunto che la pletora di varianti “sottolinea l’importanza di sviluppare vaccini di nuova generazione”.

Il vaccino è anche in fase di studio nel Regno Unito come parte di uno studio di richiamo che prevede la somministrazione di diversi colpi a persone che hanno già ricevuto due dosi dei vaccini Oxford/AstraZeneca o BioNTech/Pfizer.

Come per i vaccini Moderna e BioNTech/Pfizer, il vaccino di CureVac usa mRNA ma il suo mRNA è naturale e non modificato. Il suo vaccino usa anche una dose più bassa, 12 microgrammi rispetto ai 100mcg di Moderna e ai 30mcg di BioNTech/Pfizer, il che si traduce in un minor costo di produzione, ed è stabile alle temperature convenzionali del frigorifero.

CureVac ha detto che continuerà le prove del suo vaccino mRNA a due dosi e deciderà il percorso normativo più appropriato dopo aver valutato i dati finali della prova.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

Notizie correlate: CureVac Provides Update on Phase 2b/3 Trial of First-Generation COVID-19 Vaccine Candidate, CVnCoV

Vaccino CureVac fallisce primi test, Italia attendeva 30,2 milioni di dosi

Landazabal (GlaxoSmithKline) a Sky TG24: “Concentrati su sviluppo nuovi vaccini” (CureVac)

Vaccino Novavax efficace al 90% anche contro le varianti

Astrazeneca rompe il silenzio: “Il nostro vaccino salva vite ed è efficace anche contro variante Delta”

Corte Ue dà ragione ad AstraZeneca/ “Dia 80 milioni dosi” Commissione ne chiedeva 300

Nota: Il vaccino CureVax per il primo sviluppo clinico, CVnCoV, è uno a mRNA ottimizzato, non modificato chimicamente, che codifica la proteina Spike stabilizzata in prefusione del virus SARS-CoV-2 e formulata in nanoparticelle lipidiche (LNP)

CureVac N.V. è un’azienda di biofarmaceutica, domiciliata nei Paesi Bassi ma con sede a Tubinga in Germania che sviluppa terapie basate su mRNA. La principale attività dell’azienda consiste nello sviluppare vaccini contro malattie infettive e farmaci che trattano il cancro e malattie rare. Fu fondata nel 2000 da Ingmar Hoerr (attuale amministratore delegato), Steve Pascolo (CSO), Florian von der Mulbe (COO), Günther Jung e Hans-Georg Rammensee, CureVac a maggio 2018 aveva 375 dipendenti

Il vaccino Novavax utilizza una tecnologia diversa da quella degli altri vaccini approvati finora: si tratta di un vaccino a base proteica che contiene nanoparticelle ottenute da una versione di laboratorio della proteina Spike presente sulla superficie di Sars-Cov-2 e che ricorre a una sostanza adiuvante per rafforzare le risposte immunitarie. Mentre i vaccini a mRna introducono nell’organismo le istruzioni per produrre la proteina spike, il vaccino a base proteica introduce la proteina stessa trasportata da piccole particelle. 

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button