News

Vaccino Novavax arriva entro fine settembre: sarebbe molto efficace

Contiene nanoparticelle ottenute da una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike

In supporto ai Paesi per ora trascurati dalla distribuzione dei vaccini, a settembre dovrebbe giungere il NVX-CoV2373 di Novavax che richiederà autorizzazioni in tutto il mondo.

Sputnik news – 14 giugno 2021

Molto presto un nuovo vaccino contro il coronavirus si aggiungerà alla lista di quelli approvati internazionalmente, ed è lo statunitense Novavax che per il momento ha fatto sapere che i risultati sperimentali hanno dato buon esito anche sulle varianti con il 90% di copertura.

A settembre potrebbe richiedere l’approvazione per l’uso in emergenza all’autorità di controllo dei farmaci degli USA, Fda, all’europea Ema e ad altri Paesi.

Lo studio è stato condotto su 29.960 persone e il vaccino ha dimostrato una efficacia del 90,4%.

Novavax inizialmente potrà mettere a disposizione della comunità internazionale 100 milioni di dosi di vaccino.

La terza via di Novavax: vaccino a base proteica

Novavax porta una novità sul piano delle tecniche e tecnologie farmaceutiche usate nella lotta contro il coronavirus. La società farmaceutica ha infatti optato per un vaccino a base proteica, che contiene minuscole particelle ottenute da una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike presente sulla superficie del coronavirus pandemico.

Il vaccino usa anche un adiuvante (Matrix-M1), ovvero una sostanza che contribuisce a rafforzare le risposte immunitarie stimolate dal vaccino.

Nessun problema di coaguli di sangue o cardiopatie rilevate nei soggetti che hanno ricevuto la doppia iniezione.

Dove andrà il vaccino NVX-CoV2373

Ad usare il vaccino Novavax NVX-CoV2373, facile da trasportare e conservare, saranno principalmente i paesi a medio e basso reddito ha reso noto il presidente della ricerca e sviluppo della società farmaceutica Gregory M. Glenn.

Il vaccino francese

La Commissione europea è in trattative anche con la società francese Valneva con cui non è stato, però, ancora firmato alcun contratto per eventuali 30 milioni di dosi.

Il vaccino di Valneva, Vla2001, è basato su una quarta tecnologia quella che utilizza le particelle inattivate di coronavirus Sars-CoV-2.

Notizie correlate
Title Topic Year Link Document Notes
Current Protocol for Phase 3 Clinical Trial of NVX-CoV2373 in the U.S. and Mexico COVID-19 2020 Updated May 10, 2021
Current Protocol for Phase 3 Clinical Trial of NVX-CoV2373 in the U.K. COVID-19 2020 Updated April 5, 2021
Current Protocol for Phase 2b Clinical Trial of NVX-CoV2373 in South Africa COVID-19 2020 Updated January 25, 2021

Novavax COVID-19 Vaccine Demonstrates 90% Overall Efficacy and 100% Protection Against Moderate and Severe Disease in PREVENT-19 Phase 3 Trial

Note:

NVX-CoV 7 è un vaccino progettato per fornire protezione contro il COVID- 19. Progettato dalla sequenza genetica di COVID-19, si è utilizzato la tecnologia di nanoparticelle ricombinanti per generare antigeni derivati dalla proteina spike del coronavirus. In combinazione con l’adiuvante brevettato Matrix-M™, NVX-CoV 7 ha dimostrato in studi preclinici che si lega in modo efficiente con i recettori umani presi di mira dal virus, un aspetto critico per un efficace protezione del vaccino.

L’adiuvante Matrix-M™ brevettato, a base di saponina di Novavax, ha dimostrato un effetto potente e ben tollerato stimolando l’ingresso delle cellule che presentano l’antigene nel sito di iniezione e migliorando la presentazione dell antigene nei linfonodi locali, aumentando la risposta immunitaria. In particolare Matrix-M è composto da 40 particelle nanometriche a base di saponina estratta dalla corteccia di Quillaja saponaria Molina insieme a colesterolo e fosfolipidi.

Novavax è un’azienda statunitense che opera nel campo delle biotecnologie. Fondata nel 1987, ha sede a Gaithersburg nel Maryland: è stata inserita nell’Indice Russell 2000 ed è quotata al Nasdaq.

L’azienda si occupa principalmente di sviluppare vaccini e possiede strutture a Rockville, nel Maryland, e a Uppsala, in Svezia. La sua ricerca non ha mai prodotto alcun vaccino che sia giunto in commercio. A partire dal 2020, ha iniziato lo studio e lo sviluppo di un vaccino contro il SARS-CoV-2, virus responsabile della pandemia di COVID-19. Tale vaccino chiamato NVX-CoV2373, nel gennaio 2021 è arrivato alla Fase III di sviluppo.

 

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button