Accordo Bayer e Arvinas. Anticipati 110 milioni di dollari più 685 al raggiungimento dei risultati

Accordo Bayer e Arvinas. Anticipati 110 milioni di dollari più 685 al raggiungimento dei risultati

Bayer e Arvinas, Inc. (NASDAQ: ARVN), un’azienda biofarmaceutica che sviluppa la ricerca su una nuova classe di terapie basate sul degrado proteico che causano malattie, ha annunciato oggi un accordo per sfruttare la biotecnologia di Arvinas PROTAC®, biodegradatore di proteine con lo scopo di ricercare nuove terapie per i pazienti con malattie cardiovascolari, oncologiche e ginecologiche.

Inoltre, Bayer e Arvinas lanceranno congiuntamente una nuova società per sfruttare la tecnologia PROTAC® di Arvinas per le applicazioni agricole. La serie complessiva di accordi comprende oltre $110 milioni in contanti anticipati e finanziamenti per la collaborazione in materia di malattie umane, la joint venture agricola, e un investimento azionario diretto da Bayer in Arvinas. L’ulteriore investimento di Bayer arriverà fino a un massimo di altri 685 milioni di dollari e sarà diluito lungo tutto il processo di ricerca e sviluppo sulla base degli obiettivi raggiunti (sia commerciali che scientifici).

L’accordo multi-fattoriale estenderà l’applicazione della tecnologia del degrado proteico mirato a nuove aree terapeutiche e al di fuori della biologia umana. Sfrutta le competenze di Arvinas nel degrado proteico mirato, un campo che l’azienda ha guidato sin dalla sua fondazione nel 2013, e si sommerà a decenni di esperienza di Bayer nello sviluppo di terapie umane e tecnologie agricole innovative e sostenibili.

“Come prima azienda fondata sul degrado proteico mirato, siamo stati entusiasti del potenziale per migliorare la vita dei pazienti fin dalla nostra nascita”, ha dichiarato John Houston, Ph.D., Presidente e Chief Executive Officer di Arvinas. “Tuttavia, abbiamo saputo che il potenziale di questa tecnologia potrebbe essere più ampio dello sviluppo dei farmaci. Attraverso queste transazioni, non solo progettiamo di ampliare la nostra portata in nuove aree terapeutiche, ma noi e Bayer ci aspettiamo di essere i primi ad applicare questo approccio all’agricoltura, lavorando per nutrire in modo sicuro ed efficiente la popolazione mondiale in crescita. È un passo avanti naturale nel nostro impegno a migliorare la salute umana”.

“Con la nostra posizione unica come azienda leader nella scienza delle colture e farmaceutica, vediamo una grande opportunità per collaborare con il pioniere della tecnologia PROTAC®, per far avanzare questa tecnologia il più rapidamente possibile per fornire soluzioni future per la sostenibilità dell’agricoltura e di medicinali innovativi per i pazienti”, ha dichiarato Kemal Malik, membro del Consiglio di Bayer per l’innovazione. (dal comunicato Arvinas)

Dopo l’acquisto di Monsanto nel 2018, Bayer ha iniziato una faticosissima ristrutturazione aziendale, a cominciare dai tagli del personale. Nella strategia della “Bayer 2.0” c’è anche il riassetto delle business unit. Nello specifico il gigante tedesco vuole sempre più focalizzarsi sulla farmaceutica e quindi anche le decisioni che riguardano futuri accordi vertono in quella direzione. Arvinas, in questo caso, fa al caso di Bayer. L’azienda statunitense sta lavorando su nuove terapie a base di proteine. (da Aboutpharma)

Nota: PROTAC è una molecola a due teste in grado di rimuovere specifiche proteine ​​indesiderate. Piuttosto che agire come un inibitore enzimatico convenzionale, una PROTAC agisce inducendo la proteolisi intracellulare selettiva. I PROTAC consistono in due molecole leganti le proteine ​​legate covalentemente: una capace di ingaggiare una ubiquitina ligasi E3, e un’altra che si lega a una proteina bersaglio destinata alla degradazione. Il reclutamento della ligasi E3 sulla proteina bersaglio determina l’ubiquitinazione e la conseguente degradazione della proteina bersaglio da parte del proteosoma.

 

 

Related posts