News

AUSL Imola. Rapporti con ISF a rischio d’illecito

L’Azienda USL di Imola ha emanato il suo “Codice di comportamento come strumento di prevenzione della corruzione” a cura del Dr.  Luigi Infelise – Responsabile anticorruzione Azienda Usl di Imola – in cui “ovviamente” la figura dell’ISF rappresenta il rischio più elevato di corruzione. Le slide illustrative sono per meglio illustrare il provvedimento della Delibera 7 del 2016 in un capitolo del quale si prevede la “Regolamentazione, a livello interdipartimentale, finalizzata a dare trasparenza ai rapporti con gli informatori scientifici del farmaco”

Nel documento si precisa:

Risultati immagini per ausl imolaRAPPORTI CON GLI INFORMATORI SCIENTIFICI DEL FARMACO

Questa attività di prevenzione è trasversale a tutte le Unità Operative afferenti ai Dipartimenti aziendali, così come previsto dal Piano Anticorruzione e prevede la realizzazione di una procedura scritta per accesso ed incontro con il personale delle Unità Operative, la tracciabilità degli incontri, e i controlli a campione sulle prescrizioni Per evitare una proliferazione di singole procedure dei vari Dipartimenti, si consiglia la costituzione di un gruppo di lavoro dedicato e coordinato dalla Direzione Medica del Presidio Ospedaliero, per la stesura di un’unica procedura a valenza interdipartimentale.

Condotte virtuose in materia di rapporti con gli informatori scientifici del farmaco:

  • A. Evitare accordi diretti tra i Dirigenti Medici e Ditte fornitrici, finalizzati all’invio di prodotti farmaceutici privi di ordinativi che invece devono essere preceduti da emissione di ordine ed autorizzati da parte dell’Unità Operativa Assistenza Farmaceutica Area Ospedaliera e Territoriale.
  • B. Evitare di contrattare direttamente con gli informatori e rappresentati condizioni economiche di fornitura (sconti, merce, etc.), al di fuori di regolari appalti/contratti e/o al di fuori di quanto previsto da prontuario regionale vincolante (relativamente ai medicinali) o al di fuori del repertorio regionale per quanto concerne i dispositivi medici.
  • C. Ricordare che l’unico interlocutore istituzionale aziendale cui i fornitori devo riferirsi per gli aspetti amministrativi di fornitura è il servizio Provveditorato/Economato che unitamente all’Unità Operativa Farmacia può emettere ordinativi anche in sconto merce e/o forniture gratuite.

AUSL Imola__slide_anticorruzione

Nel Piano triennale di prevenzione alla corruzione “Si è proceduto in ragione della specifica natura sanitaria dell’Azienda, ad individuare le attività ritenute più a rischio di fenomeni corruttivi nell’ambito delle Articolazioni Tecniche ed UU.OO. Clinico/Assistenziali, denominate “Aree di rischio specifiche”:

1) Gestione delle liste di attesa;

2) Rapporti con gli informatori scientifici del farmaco;

3) Sperimentazioni e sponsorizzazioni;

4) Esercizio dell’attività libero professionale intramuraria;

5) Controllo e verifica sulle autocertificazioni relative all’esenzione dal pagamento del ticket;

6) Attività conseguenti al decesso in ambito intraospedaliero.

7) Attività inerenti il controllo preventivo delle richieste e la successiva autorizzazione nelle materie di acquisto in esclusiva di apparecchiature biomediche e dispositivi assistenziali.

Notizie correlate: Le nuove regole sugli informatori scientifici delle case farmaceutiche

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco