Aziende farmaceutiche in crisi? Tutto un bluff

Aziende farmaceutiche in crisi? Tutto un bluff

Aziende farmaceutiche in crisi? Tutto un bluff, secondo due scienziati del British Medical Journal

Fonte http://crasecrets.com/

Non c’è alcuna crisi nell’innovazione farmaceutica, si legge in un controverso articolo pubblicato sul BMJ da Donald Light, professore di Social medicine and comparative health care della University of Medicine and Dentistry del New Jersey e Joel Lexchin, professore di Health Policy and Management alla York University di Toronto.

La vera crisi, sostengono gli autori, è in un sistema che premia le compagnie farmaceutiche per sviluppare nuovi prodotti che offrono soltanto un minimo, se non inesistente, beneficio terapeutico rispetto a quelli già esistenti con lo scopo di conservare un costante e stabile flusso di profitti.

La scarsità di fondi disponibili per la ricerca non è, secondo loro, frutto della crisi, ma di politiche aziendali ben precise, che investono nella ricerca con un rapporto di 1:19 rispetto a quanto investono nelle campagne di marketing, la cui promozione può arrivare a rappresentare addirittura l’ 80% (!!!) della spesa farmaceutica di uno Stato.

I due scienziati sostengono, inoltre, che parlare di crisi dell’innovazione ai politici e alla stampa costituisce solo uno stratagemma mirato ad ottenere protezioni da parte dei governi per evitare la concorrenza del libero mercato. “Le compagnie esagerano i costi dello sviluppo focalizzandosi su un’auto affermazione dell’aumento dei costi senza menzionare gli straordinari guadagni”, scrivono Light and Lexchin.

Per cambiare questo status quo, si legge nell’articolo, gli enti regolatori dovrebbero evitare la continua approvazione di farmaci con scarso valore terapeutico: “I paesi europei stanno pagando miliardi in più del necessario per farmaci che forniscono pochi vantaggi per la salute, perché i prezzi non sono proporzionali al loro reale valore clinico”. Inoltre, concludono, la valutazione dei nuovi farmaci dovrebbe essere pubblica e indipendente dalle stesse industrie farmaceutiche e dovrebbe premiare l’innovazione.

 Notizia correlata: http://www.federaisf.

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!