La Cina manda in galera una “spia” britannica di GlaxoSmithKline

La Cina manda in galera una “spia” britannica di GlaxoSmithKline

La condanna del consulente e sua moglie è parte di uno scandalo di corruzione intentato alla farmaceutica GSK, accusata di aver corrotto medici e ospedali

Pechino  8 Ago 2014  La Voz De Galicia.es

Il consulente britannico Peter Humphrey e sua moglie Yu Yingzeng, cinese americana, sono stati condannati oggi in Cina a due anni di carcere per “aver ottenuto illegalmente informazioni private” per la farmaceutica GlaxoSmithKline (GSK) .

Yu e Humphrey e sono diventati così i primi stranieri in Cina a essere condannati per questo crimine .

Oltre al carcere, il Tribunale Popolare Intermedio n. 1 di Shanghai, dove oggi ha dibattuto per più di quindici ore, la stessa Corte ha trasmesso online la conclusione del processo, anche la condanna a pagare 150.000 yuan (24.000 $) .

La coppia, che ha cinque giorni di tempo per impugnare la sentenza, è stata arrestata l’11 luglio 2013 e un mese dopo è stata accusata di aver ottenuto illegalmente 256 documenti, che vanno dai numeri di telefono a documenti di residenza, noti come hukou in Cina o documenti di viaggio.

Come riportato oggi, la coppia ha pagato tra 800 e 2.000 yuan ($ 130-330) per documento, che è stato fornito loro da tre fonti cinesi che verranno processate separatamente, così il tribunale ha pubblicato nel suo sito Weibo, il Twitter cinese.

“La nostra acquisizione di informazioni private è stato un errore, ma non era una operazione commerciale”, ha detto Yu oggi, aggiungendo che “c’è una zona grigia in questo settore”, mentre il marito ha detto di non avere avuto “un altro modo per raggiungere “L’obiettivo della società.

Nella sua arringa finale, ha detto Humphrey, secondo quanto pubblicato dal Tribunale, che lui e sua moglie hanno incontrato solo i servizi della sua azienda , che consistono, ha detto, in “indagini interne di corruzione, frode e nel contribuire a coltivare un buon ambiente di lavoro.”

Scandalo corruzione GSK

La sua condanna è parte di una intricata vicenda di corruzione e scandalo farmaceutico di GSK , accusata l’anno scorso, insieme ad altre multinazionali, di corrompere medici e ospedali in Cina affinché usino o pubblicizzino i loro prodotti.

Nel contesto, il consulente Humphrey, ChinaWhys, è stato assunto dall’industria farmaceutica per trovare la “spia” che ha trapelato le email che hanno fatto scoprire lo scandalo, inviate agli amministratori della società a Londra e anche alle autorità cinesi.

Tuttavia, l’Inglese, ha detto il mese scorso in un’intervista con la catena televisiva CCTV, non era inizialmente a conoscenza dei dettagli della causa e credeva che lui e sua moglie stessero solo indagando sulle email che calunniavano la società, e che così si è sentìto “tradito” quando ha saputo il vero fine.

E ‘stato un velato riferimento al suo connazionale Mark Reilly, ex dirigente di GSK e che avrebbe incaricato della ricerca  Humphrey.

Reilly e altri due exejecutives GSK sono stati accusati di corruzione nel maggio scorso, e l’evento è ora nelle mani dei pubblici ministeri cinesi.

La pubblicazione del colloquio con Humphrey, in cui è apparso in difficoltà ed era dispiaciuto, assomigliava ad altre “confessioni” televisive di arrestati per corruzione o altri reati, la cui autenticità è messa in discussione da alcuni avvocati, che la considerano piuttosto parte di un spettacolo orchestrato dalle autorità.

Inoltre, il modo in cui le autorità cinesi visualizzano oggi attraverso Weibo, è lo stile di altri processi farsa, come quello all’ex leader della provinciale Bo Xilai nel mese di agosto 2013, portano alcuni analisti a credere che si ricerchi di potenza in qualche modo di trasformarlo in caso esemplare.

Ricerca presso una coppia canadese

Questo coincide anche con un’inchiesta, annunciato questa settimana, contro una coppia canadese, sospettata di “furto di segreti di Stato”, e si pensa ad una campagna di propaganda che coinvolge le società straniere installate nel paese, nel quadro della cosiddetta battaglia del governo cinese alle frode e ai rifiuti .

Pertanto, la sentenza di Humphrey e sua moglie Yu Yingzeng è solo un altro capitolo nello scandalo GSK, il più grande caso di corruzione in cui è coinvolto una società estera in Cina, dal tempo delle indagini contro il colosso minerario Rio Tinto nel 2009.

In un ultimo tentativo di cercare la misericordia del giudice, che in Cina tende a prendere in considerazione i segni di pentimento per ridurre la pena, Humphrey oggi si è scusato e ha dichiarato di aver sempre sostenuto la campagna anti-corruzione “della Cina.

Una campagna che da quando Xi Jinping era al potere nel 2013, non può che aumentare e diffondersi a tutti i livelli della politica e degli affari, sia a livello locale che per gli stranieri, in Cina.

Notizia correlataCina: tangenti per farmaci, sotto accusa manager Glaxo

Un video di natura sessuale aggrava lo scandalo dei dipendenti GSK in Cina

CEO di GSK è Andrew Philip Witty (7.207.000 sterline/anno)

Related posts