Archivio Storico

Corte Ue, incentivi per farmaci meno cari

 Incentivi finanziari ai medici per favorire la prescrizione di farmaci meno costosi. A patto che le autorità pubbliche si accertino che tale regime di incentivi sia fondato su criteri obiettivi e non discriminatori e rendano trasparenti, in particolare, le valutazioni terapeutiche
Questo principio viene sostenuto dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, nella sentenza emessa in risposta alla High Court of Justice d’Inghilterra e Galles. Il caso, su cui i giudici europei si sono pronunciati, riguarda infatti gli incentivi finanziari istituiti in Inghilterra e Galles e la loro compatibilità con la direttiva europea sui medicinali per uso umano. Quest’ultima vieta, nell’ambito della promozione dei medicinali fra i medici o i farmacisti, di concedere, offrire o promettere loro vantaggi pecuniari o in natura. Per ridurre la spesa per i farmaci, le autorità inglesi e gallesi responsabili della sanità pubblica hanno istituito un regime di incentivi finanziari affinché i camici bianchi prescrivano ai loro pazienti medicinali meno costosi di altri che appartengono alla stessa categoria terapeutica. Nella causa all’esame della Corte Ue, si discute principalmente della prescrizione di statine, farmaci anti-colesterolo. Nella sua sentenza odierna, la Corte constata che «il divieto della direttiva riguarda principalmente le attività di promozione dell’industria farmaceutica» e punta a «impedire pratiche promozionali che possano influenzare i medici incitandoli a perseguire un interesse economico al momento della prescrizione dei medicinali». Non riguarda, invece, «le autorità nazionali responsabili della sanità pubblica – si sottolinea – competenti a garantire l’applicazione della direttiva e a definire le priorità d’azione di politica sanitaria, in particolare riguardo alla razionalizzazione della spesa pubblica».

DoctorNews – 23 aprile 2010 – Anno 8, Numero 72

Articoli correlati

Back to top button