Decreto sanità. Tagli per 8 miliardi in tre anni. Ma Balduzzi non convince il CdM

Decreto sanità. Tagli per 8 miliardi in tre anni. Ma Balduzzi non convince il CdM

Nuovi tetti per la farmaceutica e raddoppio dello sconto a carico di farmacisti e imprese. Intramoenia e assicurazione per la responsabilità medica. Multe a chi vende tabacco ai minorenni. Queste le proposte di Balduzzi. Ma il CdM potrebbe chiedere interventi e tagli più incisivi.

26 GIU – Tra meno di una settimana le carte saranno scoperte, ma per il momento sul "Decreto Balduzzi" che dovrebbe intervenire a 360° sulla sanità regna molto mistero e anche tanta incertezza. Non circolano bozze e le voci che si rincorrono parlano di una frenata, ieri, da parte del preconsiglio dei ministri, al provvedimento che il ministro della Salute avrebbe presentato in anteprima. Testo da rivedere, dunque. Forse anche allo scopo di produrre qualche risparmio in più rispetto a quelli prospettati dal ministro Balduzzi e che, secondo quanto scrive oggi il Sole 24 Ore, dovrebbero ammontare a 8 miliardi di euro distribuiti nell’arco dei prossimi 3 anni (per l’esattezza, 1,085 miliardi nel 2012, poi 3,46 miliardi nel 2013 e i restanti 3,57 miliardi nel 2014).

Balduzzi vorrebbe raggiungere questo obiettivo intervenendo a tutto campo sulla sanità: dalla spesa farmaceutica alla specialistica, dai beni e servizi alle case di cura accreditate, dall’intramoenia alla responsabilità medica, dall’abolizione di alcuni enti alle multe sul tabacco, fino alla Croce Rossa e al rilancio del fascicolo sanitario elettronico.

Secondo le indiscrezioni del Sole 24 Ore, in particolare, il decreto Balduzzi proporrebbe un abbassamento del tetto per la spesa farmaceutica territoriale dal 13,3% all’11,3% (al netto del prezzo di rimborso a carico dei cittadini), spostando risorse sulla spesa farmaceutica ospedaliera, il cui tetto salirebbe dall’attuale 2,4% al 3,2%. Sarebbe comunque confermato che in caso di sforamento di questa voce di spesa, le aziende saranno chiamate a ripianarne il 35% (oggi il ripiano della spesa ospedaliera è a totale carico delle Regioni) come previsto dalla manovra del luglio scorso.

Novità anche per le farmacie per le quali – ma solo per l’anno in corso – sarebbe previsto il raddoppio dello sconto al Ssn a loro carico. Stessa sorte per le imprese, a cui, però, Balduzzi vorrebbe dare più certezze sull’immissione in commercio nelle Regioni dei farmaci innovativi. Per ottimizzare l’uso dei farmaci, il ministro della Salute vorrebbe poi sperimentare nuovi sistemi di confezionamento, anche personalizzato, e di distribuzione dei farmaci utilizzati negli ospedali.

Per i medici si propone la riforma dell’intramoenia, che prevederà comunque una pror

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!