Archivio Storico

Farmacia fallisce a Parma: tra le cause, finanziamenti eccessivi

Un momento di condivisione sui futuri interventi relativi alla spesa farmaceutica territoriale. È quanto chiedono Federfarma, Federfarma Servizi, Farmindustria e Assogenerici all’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa).

L’appello è stato recapitato all’Agenzia diretta da Luca Pani attraverso due lettere, la prima firmata da Federfarma, Farmindustria e Assogenerici, a cui si è successivamente aggiunta quella a firma di Federfarma Servizi, che ha condiviso le preoccupazioni espresse dalle altre tre sigle della filiera.

«L’attuale contesto economico vede i comparti produttivo e distributivo impegnati da un lato a garantire gli attuali livelli occupazionali e, dall’altro, a mantenere e anzi accrescere il livello di produttività». Per questo «essere posti nelle condizioni di programmare l’attività, almeno nel breve periodo, nella piena consapevolezza del quadro economico di riferimento, riveste per le aziende un’importanza fondamentale», hanno spiegato nella missiva Annarosa Racca, presidente di Federfarma, Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria, e Enrique Hausermann, presidente di Assogenerici.

Insomma, per i comparti produttivo e distributivo del farmaco «appare indispensabile poter conoscere in anticipo i contenuti delle eventuali azioni che l’Aifa fosse in procinto di avviare», attraverso «momenti comuni di condivisione ogni volta che vengono ipotizzati importanti interventi sulla spesa territoriale».

Interventi che, ha sottolineato Federfarma Servizi nella seconda missiva inviata all’Aifa, sono vissuti con «forte preoccupazione» dalle imprese del comparto a causa delle ripercussioni che possono avere sul settore. «Le nostre Associate – ha sottolineato Federfarma Servizi – svolgono il delicato, quanto ineludibile, ruolo di anello di congiunzione tra la produzione e l’assistenza farmaceutica alla collettività sociale». Un tavolo di confronto con la filiera, dunque, «necessita della partecipazione di tutti gli attori del sistema».

5 giugno 2013 healthdesk cronache

 

 

 

 

Articoli correlati

Back to top button