News

Filctem: al via la stagione dei rinnovi contrattuali

Il direttivo nazionale vara le ‘linee guida’ per chimici e farmaceutici

La situazione dei rinnovi contrattuali per il triennio 2016-2018 è tutta in salita. Il quadro di incertezza (deflazione, assenza modello contrattuale, persistenza della crisi industriale, scadenza accordo 2009) e i segnali inquietanti di Confindustria, secondo la quale si può fare a meno dei minimi e dei due livelli di contrattazione, è sotto agli occhi di tutti.

Ciononostante, Filctem Cgil, Femca e Flaei Cisl, Uiltec Uil intendono rinnovarli, perchè entro il 31 dicembre sono in scadenza nel loro ‘perimetro’ sei contratti nazionali (chimico-farmaceutico, gomma-plastica, energia e petrolio, elettrico, gas-acqua, lavanderie industriali) che interessano oltre 400.000 lavoratori impiegati in quasi 10.000 imprese.

Intanto, la Filctem ha riunito oggi a Roma – relatore il segretario generale, Emilio Miceli, presente ai lavori la segretaria confederale Cgil, Serena Sorrentino – il comitato direttivo nazionale, che ha varato vere e proprie ‘linee-guida’ per il rinnovo dei contratti, impegnando la segreteria nazionale alla stesura unitaria delle piattaforme entro giugno, per poter iniziare così il confronto con le associazioni imprenditoriali di riferimento.

Cinque le direttrici, cui la Filctem non intende rinunciare: la necessità di piattaforme unitarie; l’applicazione del Testo unico sulla rappresentanza del gennaio 2014, in grado di coinvolgere le Rsu nella costruzione  delle piattaforme e nella gestione delle trattative; la legittimazione finale del voto dei lavoratori sulle ipotesi di accordo; il valore insostituibile del contratto nazionale di lavoro e della contrattazione di secondo livello, sia pur distinti nelle loro rispettive  prerogative; il rifiuto di “copiare sotto dettatura – ha detto Miceli – il Jobs act nei contratti”.

Preso atto della parzialità della misura inflattiva in Italia, la Filctem “intende definire – così si legge nel documento approvato a larga maggioranza – piattaforme che contengano richieste salariali tali da garantire i trattamenti minimi inderogabili, coerenti con i valori medi delle conclusioni dei precedenti contratti, avendo a riferimento anche i costi del welfare contrattuale”.

Allo stesso tempo “reputa importante – prosegue il documento – una accentuazione del trasferimento di materie legate alla prestazione lavorativa (produttività, organizzazione del lavoro, orari, professionalità, ecc.) in sede di contrattazione aziendale: sarà importante porre il problema della revisione del sistema degli inquadramenti per rispondere ad una esigenza non più eludibile tra sviluppo professionale, prestazione, merito, a fronte del superamento degli scatti di anzianità operato in alcuni contratti (chimico, energia e petrolio, gas-acqua)”.

“Una mina vagante – aggiunge il documento sindacale – sono i provvedimenti previsti dal jobs act (licenziamenti disciplinari, demansionamento), che vanno contrastati proprio a partire dai rinnovi contrattuali e nelle vertenze aziendali e di gruppo: a questo proposito, con quelle imprese che usano il demansionamento non si potrà essere indulgenti sul versante dei fondi erogati da Fondimpresa sulla formazione”.

Infine, un accenno alla verifica anticipata degli scostamenti inflattivi, che rappresentano uno degli elementi di confronto nell’ambito dei rinnovi contrattuali. “In questo senso – conclude la Filctem –, l’accelerazione nella predisposizione delle piattaforme faciliterà questo processo”.

09/04/2015 – Rassegna.it

IL DOCUMENTO APPROVATO

DOCUMENTO ALTERNATIVO NON APPROVATO

COMUNICATO STAMPA

DICHIARAZIONE MICELI

LINK a slides G.Olini

LINK a slides U. Stendardi (1)

LINK a slides U.Stendardi (2)

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button
Fedaiisf Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco e del Parafarmaco