Giù le mani dalle professioni sanitarie

Giù le mani dalle professioni sanitarie

Nessuna attività sanitaria è consentita alle "nuove" professioni regolamentate dalla legge 3270. C’è chi scrive che il provvedimento interesserebbe i fisioterapisti, altri raccontano che la norma istituisca gli Ordini. Non è così e non potrà mai essere. Mentre la "nostra" legge ancora una volta è mancata

21 DIC – Tra i tanti nuovi lavori meritevoli di essere regolamentati manca la professione – peraltro dignitosissima – del pagliaccio. Ma in Italia non si sa mai. Restano fuori da questo curioso provvedimento, invece, tutte quelle legate alla salute, alla prevenzione, alla cura e alla riabilitazione delle persone. Un vero ‘miracolo’ compiuto del Ministro della Salute.

Quale tutela della salute è garantita da un governo che afferma di non riuscire ad istituire gli Albi delle Professioni Sanitarie, per i quali addirittura fu violata la legge-delega 43/2006, approvata all’unanimità dal Parlamento, e riesce invece, addirittura in sede deliberante e senza passare dall’Aula (!!!), a regolamentare il non-regolamentare? A Coloro che in queste ore stanno confondendo il provvedimento approvato, ritenendolo comprensivo anche dell’istituzione degli Ordini professionali in ambito sanitario, raccomandiamo di leggere attentamente il Testo e non diffondere libere interpretazioni. A volte, l’analfabetismo politico è più pericoloso dell’irresponsabilità amministrativa.

Dunque la prima conseguenza dell’approvazione della legge 3270, come era stato previsto dal Coordinamento Nazionale delle professioni sanitarie, è la confusione: c’è chi scrive che il provvedimento interesserebbe i fisioterapisti, altri raccontano che la norma istituisca gli Ordini.
Non è così e non potrà mai essere. E non per fortuna, ma per l’attività continua e coerente di tutte le Professioni Sanitarie, l’art. 1 comma 2, appositamente modificato il 15 novembre 2012, prevede che nessuna attività sanitaria potrà essere esercitata dagli iscritti alle associazioni professionali che la nuova norma intende in qualche maniera regolamentare. Allo stesso modo, la nuova norma non offre alcuna possibilità di individuazione di altre professioni sanitarie o arti ausiliarie, perché ad essere escluse dall’ambito di intervento dei nuovi ‘professionisti’ (sic), sono proprio le attività inerenti prevenzione, cura e riabilitazione, insomma tutte le attività sanitarie che nel rispetto

Related posts

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!