Grande guerra farmaceutica: L’India critica la crociata degli USA contro i farmaci generici a basso costo

Grande guerra farmaceutica: L’India critica la crociata degli USA contro i farmaci generici a basso costo

La spinta di Washington per i diritti di proprietà intellettuale nell’industria farmaceutica è un attacco all’industria farmaceutica indiana, secondo New Delhi, mentre un rapporto del governo americano accusa l’India di distribuire farmaci contraffatti in tutto il mondo.

L’AntiDiplomatico – 28 aprile 2019

Le autorità di New Delhi sono rimaste sbigottite dal fatto che il “Rapporto speciale 301” pubblicato ieri dal USTR ha identificato l’ India, insieme alla Cina, come le principali fonti globali di farmaci contraffatti. Il documento, che esamina lo stato della protezione della proprietà intellettuale in tutto il mondo, sostiene anche che fino al 20% dei farmaci venduti sul mercato indiano sono falsi e rappresentano un pericolo per la salute e la sicurezza pubblica.

Nel frattempo, il funzionario sanitario indiano ha respinto le conclusioni del rapporto affermando che le accuse hanno lo scopo di mettere sotto pressione farmaci generici a prezzi accessibili. “Siamo fortemente in disaccordo con le osservazioni fatte da USTR. Non conosciamo la genesi e la metodologia delle loro ricerche. Invece, consideriamo questa una opposizione ai generici a basso costo e alla fiorente industria manifatturiera indiana,” ha dichiarato ai media locali il segretario alla salute Preeti Sudan.

Il funzionario ha sostenuto che i farmaci generici sono prodotti a basso costo ma di qualità e assicurano che solo le medicine certificate vengono esportate dall’India. Il rapporto USTR, tuttavia, pone l’India in una “lista di controllo prioritario” per la violazione dei diritti dei detentori di brevetti statunitensi, in particolare nel settore farmaceutico.

Sul fatto che l’India sia stata trattata ingiustamente dal governo degli Stati Uniti è un parere nel frattempo condiviso anche da MSF (Medici senza frontiere). In un comunicato stampa pubblicato ieri, la ONG medica ha dichiarato che i risultati del rapporto sono “in linea” con le richieste dei grandi operatori farmaceutici di stringere gli standard di proprietà intellettuale. Questi appelli , tuttavia, possono alla fine privare molte persone in tutto il mondo di cure mediche a prezzi accessibili, avverte MSF.

“In un momento in cui i prezzi delle medicine aumentano vertiginosamente, il rapporto mina gli sforzi per rendere i farmaci più accessibili sul mercato interno.

La spinta di USTR per una maggiore protezione e applicazione delle politiche sulla proprietà intellettuale manterrebbe alti i prezzi della medicina a livello globale e metterebbe i trattamenti salva-vita fuori dalla portata dei paesi in via di sviluppo“.

L’India è il più grande produttore di farmaci generici al mondo con le sue esportazioni che coprono il 40% della domanda generica negli Stati Uniti e il 25% di tutto il mercato della medicina nel Regno Unito. Il suo mercato farmaceutico è stato valutato  33 miliardi di dollari nel 2017 e dovrebbe raggiungere i 55 entro il 2020.

Notizie correlate: Guerra farmacéutica: Críticas a EE.UU. por oponerse a los medicamentos genéricos baratos de la India

Comunicazione EMA su impurezze appartenenti alla classe delle nitrosamine

Related posts