News

GSK e NOVARTIS scambio di risorse

Questo mese GSK e NOVARTIS hanno finalizzato la loro decisione, senza precedenti, di scambiare 20 miliardi di dollari di valore del loro patrimonio.

A prima vista, sembra che GSK abbia  ottenuto il miglior risultato: guadagna  16 miliardi da NOVARTIS in anticipo,  paga l’azienda  7.1 miliardi di dollari per i suoi vaccini (prodotti minori per  l’influenza) e guadagna una quota congiunta in un nuovo OTC e business consumer.

GSK ora diventerà la numero uno in vaccini e per la salute dei consumatori e guadagna 12.000 dipendenti di NOVARTIS, mentre 2.000 del suo staff si  trasferiranno dalla GSK Oncologia alla azienda svizzera.

“Questa operazione rappresenta un importante passo in avanti per GSK,” ha riferito il CEO della società Sign. Andrew Witty.

Nel frattempo, NOVARTIS acquisterà quasi tutti farmaci contro il cancro della GSK, esclusi i vaccini terapeutici.

Questo potrebbe essere un grande colpo per l’azienda svizzera, anche se tutto il franchise in oncologia di GSK ha creato l’anno scorso 1,2 miliardi di sterline (1,8 miliardi di dollari).

Considerando che il farmaco oncologico di ROCHE Avastin (bevacizumab) rende più di 7 miliardi di dollari l’anno, non si tratta di una grave perdita per GSK in questo momento.

A breve termine, la GSK sicuramente vincerà. Ma a lungo termine, NOVARTIS sarà probabilmente il chiaro vincitore di questo affare.

L’oncologia è una grande area di crescita e, mentre il suo portafoglio è ora piccolo, i farmaci NOVARTIS, che includono quello per il cancro del rene Votrient e quelli per i trattamenti del melanoma Mekinist e Tafinlar, sono tutti impostati per essere leader nel loro campo e grandi blockbuster.

NOVARTIS ha già una grande presenza in oncologia e sa come lavorare il settore delle vendite nei grandi mercati emergenti e così può fare meglio per la maggior parte dei suoi nuovi prodotti.

E con un patrimonio di GSK, che avrà ora 22 farmaci anti-cancro, così come le opzioni sulla R&S pipeline in oncologia di GSK, NOVARTIS si sorreggerà da sola per la crescita futura.

Fonte: Pharmaceutical Marketing – 17 marzo 2015

Notizie correlate: GSK licenzia. Si tratta, per la maggior parte di informatori farmaceutici che operano in tutta Italia

L’ ACCORDO DI GLAXO CON NOVARTIS «Verona è centrale nello sviluppo Gsk» 28/02/2015

Novartis: +12% utile 2014, +6% dividendo, stima +5% fatturato 2015 7/01/2015

Novartis chiude vendita di Animal Health a Eli Lilly con plusvalenza di 4,6 mld $ 02/01/2015

GSK taglia posti di lavoro nella ricerca e nelle vendite negli Stati Uniti a causa di un mercato diventato più difficile  04/12/2015

GSK: ristruttura settore farmaceutico per tagliare costi  22/10/2014

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button