News

La politica tuteli la Ricerca Farmaceutica Naturale e le Piante Officinali

Riceviamo e pubblichiamo

Come tutti sanno alcune piante officinali e in particolare le molecole contenute in esse che si riferiscono al fitocomplesso della pianta, hanno capacità di contrasto alla farmaco resistenza ai microorganismi e di contrasto a cellule maligne che abbiano acquisito resistenza alla chemio molto promettenti.

Purtroppo alcuni stati del nord Europa, come ho denunciato più volte e continuerò a farlo, cerca di far passare le piante officinali e le loro molecole come tossiche o quantomeno del tutto inefficaci. Purtroppo questo non solo da parte dii altri Stati ma anche da qualche personaggio nazionale, sostenendo che i farmaci naturali non abbiano una reale efficacia, una reale funzione.

Queste affermazioni del tutto assurde rischiano di far venir meno importanti ricerche scientifiche in ambito farmaceutico naturale che possono realmente essere utili per l’uomo e non solo per contrastare la propagazione di fenomeni di farmaco resistenza agli antibiotici da parte di microrganismi o di farmaco resistenza a chemioterapici da parte di cellule cancerogene ma anche di far venir meno la ricerca su potenziali insetticidi naturali quali il neem ad esempio utile contro insetti potenzialmente pericolosi per l’agricoltura come il vettore della xylella oppure pericolosi per l’uomo come alcune specie di zanzare che sono portatrici di gravi parassitosi ma si potrebbero contrastare facilmente utilizzando molecole derivate da piante

Purtroppo una parte della Scienza fa finta di non vedere tali proprietà. Anzi tenta di contrastarle. Sappiamo benissimo, oggi che ad esempio l’aloe può essere efficace contro alcune forme di cellule tumorali, infatti le molecole tanto accusate di Genotossicità aloina e aloemodina potrebbero avere proprio grazie alla loro struttura potenzialmente intercalante con il nostro DNA un’azione di contrasto alla progressione di cellule tumorali andando a bloccare i meccanismi di sviluppo del cancro  oltre a conoscere l’azione delle molecole contenute nell’aloe di modulazione del sistema immunitario.

Per quanto riguarda i microrganismi e la farmaco resistenza esistono oli essenziali in grado di superare la farmaco resistenza agli antibiotici da parte di alcuni batteri farmaco multiresistenti.

Tutto questo dovrebbe portare il futuro governo a politiche di incentivazione sulla ricerca farmaceutica naturale, per non far venir meno un importante risorsa scientifica come quella delle piante officinali. Per quanto mi riguarda come Scienziato Erbochimico, continuerò a dialogare con il il Ministero della Salute e con il Ministero delle Politiche Agricole per portare le mie conoscenze scientifiche e per continuare la mia battaglia contro chi vuole distruggere le piante officinali e questa  importante risorsa per l’umanità.

Paolo Pelini
Erbochimico
Ricerca Farmacognostica e Citotossicologica su Estratti di Piante Officinali
Cytotoxicology Research Italy
Roma – Italy
Email: paolo.pelini@gmail.com
http://www.paolopelinierbochimico.it

Ricevuto in Redazione il 7 agosto 2022


Nota: Qualsiasi opinione, consiglio, comunicato o altre informazioni espresso o rese disponibili da terzi non è attribuibile né è necessariamente condivisa da Fedaiisf bensì ai rispettivi autori. Fedaiisf non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti sul sito o in altre eventuali piattaforme collegate.

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button