Lettera aperta. Farmindustria non ha il compito morale e contrattuale di difendere i propri ISF da aggressioni del “potere”?

Lettera aperta. Farmindustria non ha il compito morale e contrattuale di difendere i propri ISF da aggressioni del “potere”?

Spett.le FARMINDUSTRIA

stiamo assistendo ad una “caccia” all’ISF bersagliato da istituzioni legittimate.

Mi chiedo se non sia compito morale e contrattuale difendere i propri dipendenti da aggressioni del “potere”, comunque e chiunque lo esprima.
Senza fine e, spero, senza fini.

Mi chiedo-ancora- se non ci debba essere obbligo morale e in tutte le sedi, nessuna esclusa, a schierarsi con i propri dipendenti.
Scelti, nel tempo, uno ad uno e senza tracce delinquenziali nei loro profili, nelle loro esperienze e nel loro DNA.

Non ci sono motivazioni perché l’ISF debba essere ritenuto responsabile possibile di degrado morale e professionale, che investirebbe direttamente le aziende di provenienza.

Da parte nostra non possiamo che rispedire al mittente per indegnità.

Cordiali saluti

Fabio Carinci
Informatore scientifico

Cav. Uff. Al merito della repubblica.

Da Facebook

Notizie correlate: L’ISF ed il Servizio Scientifico, da cui dipende, responsabilizzati dalla legge sia penalmente che civilmente a tutela dei cittadini

La responsabilità dell’informazione scientifica sancita da Leggi, Decreti Ministeriali, sentenze è in capo agli ISF, anche se il contratto di lavoro dovesse costringerli illegalmente nel commerciale

Emilia-Romagna.dgr-2309-2016

Parma. L’allucinante modulo di richiesta d’incontro fra ISF e Medici all’Ospedale. N.d.R.

ANAC.Linee Guida Codice Comportamento SSN. (pag. 10)

Related posts