News

Medicina: boom della farmacovigilanza attiva

Boom della farmacovigilanza attiva, che segna un aumento del 275% nella rilevazione delle reazioni avverse ai farmaci

A cura di Filomena Fotia – 3 dicembre 2016 – Meteo Web

Risultati immagini per antimicrobial stewardshipBoom della farmacovigilanza attiva, che segna un aumento del 275% nella rilevazione delle reazioni avverse ai farmaci. Migliora anche la preparazione di farmaci e antibiotici e cresce la segnalazione di allergie. Si riducono, invece, le scorte di farmaci in reparto. Sono i risultati del progetto “Antimicrobial stewardship” della Società italiana dei farmacisti ospedalieri e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie (Sifo), presentati al 37simo Congresso nazionale Sifo a Milano.

Il progetto ha coinvolto 12 farmacisti (sei borsisti e sei tutor) in sei centri ospedalieri: Torino, Milano, Alto Vicentino di Thiene (Vicenza), Ferrara, Sassari e Acquaviva delle Fonti (Bari). Per un anno hanno lavorato come farmacisti di reparto, monitorando l’andamento dei casi di infezioni durante i ricoveri in ospedale, gestendo l’impiego dei farmaci antifungini e antimicrobici, controllando la preparazione, la scelta delle terapie, l’appropriatezza e anche le scorte. Il tutto facendo riferimento alle linee guida dei singoli ospedali.

Dall’esame di 3.294 cartelle cliniche emerge che il lavoro dei farmacisti ha fatto registrare negli ospedali in cui hanno operato, spiega Sifo, un aumento 42% nello switch dalla terapia antibiotica iniettabile a quella orale, un miglioramento del 5% nella correzione della posologia, una riduzione del 34% delle scorte di farmaci nell’armadio di reparto. Ancora: un aumento del 4% delle segnalazioni di allergie e un aumento del 275% nella rilevazione delle reazioni avverse ai farmaci. Infine un miglioramento anche nella preparazione dei farmaci e antibiotici in reparto.

Risultati immagini per antimicrobial stewardshipLa presenza di farmacisti ospedalieri esperti di infezioni in corsia non solo porta vantaggi organizzativi ma anche economici – spiega Sifo – Del resto il progetto è nato proprio con l’obiettivo di portare un risparmio dato da una miglior gestione organizzativa e un contributo al contrasto della diffusione delle farmaco-resistenze, spesso conseguenza dell’utilizzo non appropriato di un antibiotico per la cura di un’infezione“.

L’ottimizzazione dell’uso degli antibiotici ha il triplice obiettivo di migliorare il percorso assistenziale nei confronti del paziente e quindi anche l’esito del trattamento, garantire una terapia che risponda ai criteri di costo-efficacia e ridurre gli effetti avversi dei farmaci – afferma la vicepresidente Sifo e responsabile del progetto, Piera Polidori – oltre che prevenire l’insorgenza di resistenze indesiderate alle terapie antibiotiche.

I programmi ospedalieri di gestione degli antimicrobici sono pertanto elementi necessari per l’attuazione di una politica degli antibiotici nelle strutture assistenziali“. Dal progetto verranno realizzate una serie di schede formative che, insieme ai risultati, confluiranno in un manuale formativo sulla tematica delle infezioni. L’uscita è prevista per l’inizio del 2017.

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button