News

Millenials doctors e Pharma. Un rapporto tutto da costruire

I Medici Millenials trascorrono poco tempo con gli informatori scientifici. Nonostante questo dato, il 41% di essi afferma di preferire l’interazione faccia a faccia con un informatore piuttosto che un’interazione online.

10 giugno, 2016 – Daily Health Industry

I medici della generazione Millennials [n.d.r.: o generazione Y sono quelli che hanno iniziato l’attività nel nuovo millennio] hanno opinioni divergenti in merito all’industria farmaceutica. Credono che le case farmaceutiche forniscano loro informazioni utili, ma poi quasi i due terzi non si fidano di queste informazioni. Più della metà ritiene educativa la pubblicità diretta al consumatore – laddove è consentita – ma l’81% afferma che questa rende il lavoro più difficile, in quanto i pazienti chiedono farmaci di cui non hanno bisogno.

Ecco alcune delle evidenze emerse da una ricerca condotta da Gruppo PR di InVentiv Health, GSW e Palio. I ricercatori hanno esaminato nello specifico le considerazioni dei medici dai 26 ai 36 anni sulla sanità e l’industria farmaceutica.

Desiderio di interazione con le aziende
Una degli argomenti che maggiormente emergono dall’intero studio è la capacità che hanno i medici  Millennials di collaborare con colleghi, pazienti e industria farmaceutica, anche se trascorrono poco tempo con gli informatori scientifici. Nonostante questo dato, il 41% di essi afferma di preferire l’interazione faccia a faccia con un informatore piuttosto che un’interazione online.

Travis Rooke, direttore associato di GSW e uno degli autori dello studio, ritiene che anche se l’uso e l’importanza delle comunicazioni non personali in digitale crescono, le aziende farmaceutiche devono ricordare che questi giovani “medici collaborativi” desiderano condivisione, interazione e dialogo con l’industria e che è compito dell’industria stessa rendere possibili le occasioni d’incontro.

“I marketing manager farmaceutici non dovrebbe puntare solo sulle comunicazioni digitali non personali , ma devono includere comunicazioni personali. Dobbiamo avere una collaborazione e continuare a dialogare”, ha detto Rooke.

Meno fiducia rispetto ai “non-millenials” 
I medici della generazione dei Millennials hanno maggiori problemi di fiducia quando si tratta dell’industria farmaceutica. Ce ne accorgiamo comparando i due terzi (65%) che non hanno fiducia nelle informazioni fornite dalle case farmaceutiche, per essere giusti ed equilibrati, con il solo 48% dei medici più adulti che dichiarano lo stesso.

Quindi probabilmente non sorprenderà il fatto che i medici della generazione Y affermano di essere meno influenzati dal marketing farmaceutico rispetto ai loro colleghi non-Millennials. Quando si considerano i farmaci, solo il 16% di essi considera “influenti” i materiali delle case farmaceutiche influenti, rispetto al 48% dei non-Millennials.

Si può iniziare a dedurre che in parte le cose stanno così poiché l’avversione nei confronti dell’industria farmaceutica è diventata ‘la cosa giusta da dire’ per i medici perché nell’opinione pubblica è scesa fortemente la considerazione delle aziende farmaceutiche -continua Rooke – Tuttavia, anche considerando ciò, c’è spazio per un miglioramento nel rapporto tra medici Millennials e industria farmaceutica”.

I need:trasparenza e autenticità
Come i loro coetanei, i medici Millennials desiderano trasparenza e autenticità: l’85% afferma che è ciò a cui dà più valore nel rapporto con le aziende. Poi viene la centralità del paziente, seguita dal supporto all’aderenza alla terapia. Il 65% di questi medici ha più probabilità di incontrare un informatore farmaceutico se la casa per cui lavora offre programmi destinati ai suoi pazienti, contro il 47% dei non-Millennials.

 

Notizie correlate: Millennial Mindset: the collaborative clinician

GSW to Explore Virtual Reality’s Role in Empathy as Presenter at Cannes Lions 2016

Fimmg. Rapporto fiduciario al centro della relazione tra mmg e informatori scientifici

REDAZIONALE. Perché il ruolo tradizionale dell’ISF diventerà presto obsoleto

N.d.R.: inVentiv Health, la sua consociata GSW e l’agenzia pubblicitaria PALIO, che hanno commissionato la ricerca, VENDONO alle aziende farmaceutiche sistemi di pubblicità da attuare con i medici. Conflitto di interesse?

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button