News

Nel 2050 la resistenza ai farmaci causerà milioni di morti

di Ivano Abbadessa – 11.12.2014 |west

Entro il 2050 le infezioni batteriche resistenti ai farmaci causeranno 10mln di morti l’anno in tutto il mondo. Una cifra addirittura superiore ai decessi causati dal cancro. Un’emergenza sanitaria che, senza un’azione globale da parte dei governi, avrà un costo di almeno 100 trilioni di dollari americani (15 dei quali saranno a carico dei paesi dell’Europa). È questo lo scenario tracciato dalla prima analisi economica del problema commissionata in Inghilterra dal primo ministro, David Cameron. Per gli esperti, l’industria farmaceutica ha investito relativamente poco in antibiotici negli ultimi decenni, perché sembravano offrire rendimenti scarsi rispetto ai farmaci più costosi per le malattie croniche. Secondo lo studio,nessun paese è considerato immune dalla minaccia. Tuttavia, per alcune regioni del pianeta la prospettiva è particolarmente desolante. I paesi più popolosi del mondo, India e Cina, si troveranno ad affrontare 2 e 1 milione di morti l’anno rispettivamente entro la metà di questo secolo. L’Africa come continente “soffrirà enormemente”, avverte il rapporto.

Notizia correlata: Cameron: i batteri resistenti agli antibiotici sono «una minaccia per l’umanità»

25mila pazienti in Ue muoiono per infezioni da germi multi-resistenti

Farmaci specialistici: analisi costo-efficacia. N.d.R.

I superbatteri uccideranno più del cancro entro il 2050

Non tutti i microbi vengono per nuocere: ecco i benefici del microbioma

 

Redazione Fedaiisf

Promuovere la coesione e l’unione di tutti gli associati per consentire una visione univoca ed omogenea dei problemi professionali inerenti l’attività di informatori scientifici del farmaco.

Articoli correlati

Back to top button